Bonacina: «Credo in Pavone. Non deluderemo»

Il ds: «Bloccati otto giocatori». Furia Casillo: «Sau? Voglio soldi sennò ce lo teniamo in rossonero»

FOGGIA - L´entusiasmo di Valter Bonacina, la rivoluzione della rosa e la lite col Cagliari per Sau e Burrai. Sono i punti salienti emersi nella presentazione del nuovo allenatore del Foggia, apparso assai motivato. «Sono contento di essere qui, l´eredità di Zeman non mi spaventa - dice Bonacina, 46 anni, debuttante tra i prof col preparatore Luca Medolago e il vice Luigino Pasciullo -. Ho difucia nella rosa che confezionerà il ds Pavone e nella politica del club, imperniata sui giovani. Obiettivi? Fare bella figura e cercare di vincere: so che la piazza è esigente». Ritiro, forse, a Valdaora dal 17 Luglio.

Squadra da rifare - Introducendo Bonacina, Pavone fa il punto sul mercato. «Con lui, c´è un taglio netto col passato: la squadra dell´anno scorso andrà ricostruita. Dei vecchi, resteranno solo Tomi e Perpetuini (dovrebbe essere rinnovato il prestito dalla Lazio, ndr). Gli altri andranno tutti via, compreso Kone, (ex allievo di Bonacina, ndr), perchè hanno offerte da serie superiori. Ci saranno giovani molto interessanti, siamo ambiziosi ma non ci sveneremo». E i nuovi acquisti? «Abbiamo bloccato otto giocatori, ma non possiamo ancora ufficicializzarli: temiamo che ce li soffino. Un esempio? C´è l´accordo con Ginestra, ma potremo depositarlo solo il 1° Luglio». Tra i probabili nuovvi, i baby Molina (Atalanta), Cristofari (Palermo) e Ciciretti (Roma).

Buste - Quindi, il ciclone Pasquale Casillo. «Stamane ho restituito la comproprietà d´Insigne al Napoli, ma ho litigato con Cellino (patron del Cagliari, ndr) per Sau e Burrai. Se non troviamo un accordo, andremo alle buste e vedremo come andrà a finire. Su Sau voglio monetizzare, sennò ce lo portiamo in C. Ammesso che ci restiamo e non ci ripeschino per il calcio scommesse...». Infine, Casillo ha ribadito l´esistenza di contenziosi con i vecchi soci e l´invito ai tifosi ad abbonarsi subito. Agibilità stadio Zaccheria: si confida in una schiarita entro una settimana da parte del Comune.

Fonte: La Gazzetta dello Sport


La Redazione