Il Foggia saluta la Coppa Italia: il Catania vince 1-3 allo Zac

Il Foggia perde 1-3 allo “Zaccheria” contro il Catania e dice addio alla Coppa Italia.

Gianluca Grassadonia schiera un 3-5-2 con Bizzarri in porta; Tonucci, Camporese e Martinelli difensori centrali; centrocampo con Zambelli e Kragl esterni, Ramé e Deli mezzali ai lati del mediano Carraro; la coppia offensiva è composta da Nicastro e Gori.
Andrea Sottil risponde con lo stesso modulo: Pisseri tra i pali; linea difensiva con Blondett, Lovric e Marchese; Lodi agisce da mediano tra Bucolo e Biagianti, sulle corsie esterne invece ci sono Barisic e Noce; in attacco il duo è formato da Rossetti e Pozzabon.

Il Catania parte più forte del Foggia, con Lodi che calcia alta una punizione dai 30 metri. Dopo il tiro di Nicastro al 10’ deviato da Marchese e respinto in tuffo da Pisseri, Pozzebon testa i riflessi di Bizzarri con un tiro da fuori che viene comodamente bloccato dall’argentino. Sull’azione seguente, al 13’, arriva però la rete del vantaggio del Catania: Bucolo scippa palla a Ramé a centrocampo, Barisic affonda sulla destra e lascia partire un cross per Rossetti che, dopo aver eluso le marcature di Camporese e Tonucci prendendoli nel mezzo, insacca con un colpo di testa in tuffo alle spalle del portiere. Pozzebon va vicinissimo al raddoppio 5 minuti più tardi quando il suo tiro, sporcato dalla deviazione di Camporese, colpisce il palo esterno prima di terminare sul fondo. Il Foggia non riesce a reagire se non quando il cronometro segna il 32’ quando Gori, ben imbeccato da un passaggio in verticale di Carraro, lascia partire un forte diagonale bloccato in due tempi, dopo una prima lunga respinta sul quale nessun rossonero si è fiondato, da Pisseri.

Nella ripresa il Foggia sembra partire con un altro piglio: al 50’ il tiro dalla distanza di Deli viene respinto da Pisseri, Gori si impossessa del pallone e, dopo essersi liberato di due difensori del Catania con una bella finta, lascia partire un tiro che termina di poco a lato.
Al 61’ Carraro tenta un tiro a giro dalla distanza che termina di poco oltre il palo alla destra di Pisseri, che invece al 63’ blocca il debole colpo di testa di Deli.
Dopo il tiro dalla distanza di Pozzebon bloccato da Bizzarri ed il diagonale di Barisic terminato a lato a cavallo del 65’, Deli si incunea in area di rigore ma invece di cercare il tiro cerca un improbabile assist per Gori, che viene anticipato da un difensore ospite.
Nel momento migliore del Foggia però il Catania raddoppia: Lodi calcia con malizia sotto la barriera rossonera una punizione dai 25 metri e beffa Bizzarri.
I “Satanelli” non ci stanno e riaprono la partita al 73’: sugli sviluppi di una punizione battuta velocemente, Zambelli lascia partire un cross al bacio dalla destra per Gori che incorna alle spalle di Pisseri.
Kragl sfiora il pari con uno splendido tiro al volo al 75’, ma poi, al minuto 80, è ancora il Catania ad esultare: Bucolo si inserisce tra le maglie della difesa del Foggia e lascia partire un passaggio basso per Rossetti che sigla un facile tap-in.
Carraro e Kragl ci provano dalla distanza all’82’ e all’88’, ma nel primo caso Pisseri devia in corner e nel secondo il pallone termina di poco oltre il palo alla destra del portiere etneo.
Nei quattro minuti di recupero non accade nulla da segnalare, con il Foggia che dopo il triplice fischio, nonostante la sconfitta, esce dal campo dopo aver ricevuto l’incitamento da parte delle due curve.


Tabellino:

Foggia-Catania 1-3
13’ e 80’ Rossetti (Cat), 70’ Lodi (Cat), 73’ Gori (Fog)

Foggia (3-5-2): Bizzarri; Tonucci, Camporese, Martinelli; Zambelli, Ramé (71’ Rubin), Carraro, Deli (69’ Sicurella), Kragl; Nicastro, Gori
A disposizione: Noppert, Sarri, Ranieri, Loiacono, Amabile, Cascione
Allenatore: Sig. Gianluca Grassadonia

Catania (3-5-2): Pisseri; Blondett, Lovric, Marchese; Barisic, Bucolo, Lodi, Biagianti, Noce (76’ Fornito); Rossetti, Pozzebon (85’ Caccetta)
A disposizione: Fabiani, Papaserio, Di Grazia, Graziano
Allenatore: Sig. Andrea Sottil

Arbitro: Sig. Lorenzo Illuzzi di Molfetta
1’ Assistente: Sig. Alessandro Cipressa di Lecce
2’ Assistente: Sig. Vito Mastrodonato di Molfetta
4’ Ufficiale: Sig. Alessandro Meleleo di Casarano

Ammoniti: 44’ Blondett (Cat), 55’ Deli (Fog)
Espulsi: /


Armando Borrelli