Grassadonia: "Siamo ancora indietro ma miglioreremo"

Grassadonia: "Molti meccanismi sono ancora da assimilare, la partita è servita, abbiamo incontrato una delle protagoniste del prossimo campionato. Abbiamo tanto da lavorare, oggi abbiamo incontrato una squadra che ha giocato con modulo diverso rispetto al Catania. Abbiamo sofferto un po´, e adesso analizziamo quello che è stato fatto bene e ciò che va migliorato per crescere. Ma di sicuro è stato un buon test.
Rinunciare al 3-5-2? Io ho iniziato ad allenare facendo il 4-2-4 e poi il 4-3-1-2, poi a Messina col 3-5-2 ho vinto un campionato. Invece a Pagani ho fatto il 4-3-3, quindi indipendentemente dal modulo, a me piace che la squadra abbia un´idea e faccia calcio propositivo. In questi mesi sono stato pesante coi ragazzi e loro mi hanno assecondato. Ora inizieremo a ridurre il carico e cominceremo a fare più lavoro di campo. Siamo fiduciosi sul nostro percorso e sulla nostra crescita. Siamo consapevoli di essere ancora indietro ma cresceremo. Kragl? Alcune situazioni di pericolo sono nate da suoi cross quando era schierato sull´esterno. Nel momento in cui capisce quello che gli chiedo per sfruttare le sue qualità, può diventare devastante. Lui è tra i più carichi e stanchi dopo il ritiro perchè non aveva mai fatto un precampionato così faticoso. Iemmello? A me non piace parlare di singoli, nemmeno di uno che ha dimostrato di essere forte, posso solo dire che qualora dovesse arrivare ci darà sicuramente una grossa mano. Bisogna essere solidali e compatti indipendentemente da chi gioca. La piazza è fantastica e quelli che devono mantenere l´equilibrio siamo noi, sappiamo che la piazza ha il palato fine, sa starci vicino da un lato ma dall´altro pretende anche. Dobbiamo dare tutto per farci apprezzare dai tifosi. L´impegno sarà sempre massimo ma poi è ovvio che ci sono gli avversari e ci sono anche le difficoltà. C´è ancora molto lavoro da fare in tutto, sia in fase di possesso che in fase difensiva, sui tempi di giocata. Carraro? Teniamo conto che ha già una struttura importante, è arrivato una settimana dopo ed è un giocatore di prospettiva che va conosciuto magari tra qualche settimana. Per la sua struttura il peso della preparazione fisica si fa sentire maggiormente ma arriveremo anche noi a un buon livello sotto questo punto di vista.
Cosa manca ancora? Abbiamo la fortuna di avere un bravissimo direttore sportivo che ci ha seguito in ritiro e sono convinto che farà il massimo per mettermi a disposizione una squadra importante e duttile. Manca qualcosina ma abbiamo una buona base e su questa arriverà qualcun altro che si saprà integrare. Se arriva Iemmello va via Nicastro? Al momento non c´è alcuna ufficialità. Nicastro non si è fermato mai nonostante alcuni problemi che si porta dietro dalla scorsa stagione. Al momento chi è in rosa con me è del Foggia. Busellato? Certamente è indietro rispetto agli altri e rimarrà a Foggia a lavorare nei prossimi giorni. Tocca a lui esser bravo ad entrare prima possibile in quelli che sono i concetti di gioco, è un giocatore di esperienza. Floriano? In questo momento può ricoprire quella posizione anche perchè manca Deli. Ho cercato di avere Firenze ma non è stato possibile, cercheremo nei prossimi giorni a individuare un giocatore importante in quel ruolo".


Francesco Ricci