Qui Parma – Di Guadio: “Chi viene al Tardini deve uscirne con le ossa rotte”

0
42 views

Prima dell´allenamento pomeridiano, esterno offensivo crociato Antonio Di Gaudio si � sottoposto alle domande dei giornalisti al centro sportivo di Collecchio. L´ala destra giallobl�, poco utilizzata nelle ultime gare da mister D´Aversa, ha fatto il punto della situazione in vista della sfida interna di domenica contro il Foggia: “Per noi � una partita importante, veniamo da un cattivo risultato in casa dell�Entella e ci vogliamo riscattare, dobbiamo fare la nostra partita cercando il bottino pieno. Adesso sto molto bene, ho ripreso la forma nelle ultime settimane, vengo da questo fastidio al piede che ora � passato. Sabato, analizzando la partita, l�abbiamo persa perch� loro hanno avuto pi� cattiveria negli episodi, abbiamo fatto tesoro degli errori commessi e vogliamo cercare di non ripeterli contro il Foggia, che � un�ottima squadra, organizzata; dobbiamo cercare di portare a casa questi tre punti che per noi sono fondamentali”.

Punti fondamentali, dicevamo, per un ingresso nei playoff: “Gli spareggi promozione sono un campionato a s�, se arrivi in classifica terzo o quarto salti un turno e sei pi� fresco, noi abbiamo una rosa molto ampia per�. Poi devi avere quella fame che ti fa vincere le partite, nelle gare importanti devi riuscire a portare a casa il risultato con le unghie e con i denti. Se si pu� allenare la cattiveria? Si, mettendoci attenzione in allenamento te la ritrovi in partita, la determinazione si pu� allenare, in fondo ci alleniamo un�ora e mezza, due ore al giorno circa quindi devi riuscire a tenere la concentrazione per tutto l�allenamento e sicuramente il sabato in partita ne porti a casa i frutti”.

Proprio sugli spareggi promozione, Di Gaudio ricorda: “L�anno scorso con il Carpi siamo entrati nei playoff abbastanza carichi, abbiamo fatto le ultime vittorie contro Novara e Bari, poi abbiamo passato il turno contro il Cittadella e siamo arrivati contro il Frosinone dove loro avevano due risultati su tre perch� in casa avevamo pareggiato 1-1: noi in quella partita di ritorno abbiamo messo tutto quello che avevamo e siamo passati anche se in 9. Contro il Benevento in finale forse abbiamo perso perch� nelle gare precedenti abbiamo speso molte energie sia fisiche che mentali, il Benevento era un�ottima squadra e ha meritato di andare in Serie A”.

Chiusura sul cammino giallobl� da qui al termine del campionato: “Pensiamo di partita in partita, ci attendono dodici finali d�ora in avanti e il Tardini dev�essere il nostro fortino. Quando giochi in casa hai pi� tifosi, e chi viene in casa nostra deve uscire senza punti e con le ossa rotte. I punti li dobbiamo prendere noi, in casa. Per noi avere queste partite in casa con squadre forti come Foggia, Frosinone, Palermo e Cittadella dev�essere un vantaggio”.

fonte: parmalive.com