Stroppa: “Pensiamo sempre alla salvezza. Felice di non aver subito gol”

0
35 views

Ecco le parole di Giovanni Stroppa nel post-partita:

“Sono contento della prestazione dei miei. Mi � dispiaciuto per i fischi presi da Martinelli nei primi minuti ma poi si � riscattato. Lo Zaccheria deve essere difficile per gli avversari e non per noi.

Abbiamo portato a casa un risultato difficile e mi ha fatto piacere non aver subito gol oltre che averne fatti 3.

Rimaniamo con i piedi per terra ed a guardare in basso. Sappiamo cosa vuol dire fare passi falsi. Finch� non vedr� una doppia cifra con il 5 davanti non potremo parlare che di salvezza. Stiamo raccogliendo quanto seminato.

Deli oggi ha lavorato bene e tutti gli altri.

Tonucci ha portato ignoranza e cattiveria che un difensore puro pu� portare. Denis � stato portato invece dentro un´identit� di gioco e lui ha alzato l´asticella sul livello tecnico mentre gli altri lo hanno aumentato sulla cattiveria.

Nicastro e Mazzeo si trovano a meraviglia. Finalmente vediamo giocatori che non avevano potuto dare il loro contributo per problemi fisici.

Adesso � ancora pi� difficile preparare la partita col Brescia. Dobbiamo ricaricare energia e cattiveria. Dobbiamo ricordare cosa abbiamo fatto per arrivare fin qui e lavorare come se fossimo ultimi in classifica. Oggi la mia squadra � stata attenta nelle palle vaganti. Abbiamo fatto una partita sporca e poi inserito le nostre qualit� di gioco.

Io non so quanto posso influire nella squadra. Il lavoro settimanale � l´unico modo che conosco. La gestione della palla � fondamentale. Con il Pescara giocammo molto bene ma non siamo riusciti ad ottenere i 3 punti, anche meglio forse rispetto ad oggi.

Questo carattere � il segreto di questa squadra. Dobbiamo lottare su ogni pallone per fare un salto di qualit� sotto tutti gli aspetti.

Chi � arrivato � entrato subito nel lavoro. Greco oggi ha giocato tenendo il campo bene a livello atletico.

Ho preferito Martinelli rispetto a Calabresi perch� ho visto meglio lui nella partita contro la primavera. A Calabresi ho detto che deve sentirsi parte integrante di questo spogliatoio. Non deve sentirsi secondo a nessuno e da un momento all´altro potr� giocare perch� � uno dei potenziali titolari.

Non voglio guardare le quattro partite vinte consecutivamente, ma le prestazioni. In questo momento ci godiamo la vittoria e da luned� penseremo al Brescia. Dobbiamo ricaricare le batterie nervose e vincere due partite consecutive in casa � difficilissimo.

Kragl si trova nella posizione giusta e sa inserirsi bene. Lavora con la squadra nelle due fasi ed ha qualit� balistiche che in pochi hanno. In questo momento potrebbe anche chiudere gli occhi e tirare e farebbe gol.

Io lavoro per ottenere risultati e non voglio sembrare presuntuoso ma allenandoli tutti giorni per me era impossibile non portare a casa quanto stessimo seminando. A dicembre potevamo avere dei dubbi ma noi qui in casa abbiamo quasi sempre avuto prestazioni esaltante. I nuovi poi hanno fatto crescere di chi era qua.

I vaffa ricevuti a novembre e dicembre fanno parte del gioco. Ci penseremo a fine stagione anche perch� c´� ancora tempo per prenderne altri.

Sono d´accordo nel dedicare la vittoria a Fedele Sannella e lo aspettiamo a braccia aperte”.

foto: Federico Antonellis