Agostinone e La Porta, “il Foggia nel cuore”

0
29 views

Alla vigilia dellᄡesordio, Antonio La Porta e Giuseppe
Agostinone lanciano il Foggia allᄡassalto della D. Orgoglio e
motivazioni alla base del ritorno dei 2 giocatori foggiani, pronti a riprendere lᄡavventura con la loro squadra del cuore, dopo aver percorso strade diverse nelle rispettive carriere.

A casa Un po� pi� di esperienza ed emozione per La Porta.
“Torno dopo 7 stagioni.. sospira l�attaccante, 30 anni. Andai via, dopo una finale playoff in C2 e una promozione in C1: non avevo pi� spazio. Rutigliano, Patern�, Melfi, Igea, Gela, Gaeta, Campobasso e ora di nuovo qui, con la voglia di riportare Foggia dove merita. Piedi di piombomaniente alibi, a iniziare dal Gladiator”. Per Agostinone, la foggianit� � la garanzia del nuovo corso. “Riavere al fianco ex compagni, sia pure di et� diverse come Agnelli o La Porta, � un valore aggiunto � dice il centrocampista, 24 anni �. Per non parlare dei consigli impartiti dal tecnico Padalino, altro foggiano doc”. Il rientro, dopo un intervallo minore. “Ma intenso. Dopo l�annata con Zeman, ho trascorso 3 mesi in Francia a Le Mans (Ligue 2, ndr) e 6 a Montichiari”.

Rap Ieri, vittoria per 9-1 a Candela col Celle San Vito
(Promozione): in copertina Giglio e Isotti (doppiette), la verve
dellᄡala Coccia e lᄡimpiego dal 1ᄡ del portiere Mormili e del play Agnelli. Padalino ha provato un 4-4-2 offensivo, con Palazzo esterno alto e La Porta a sostegno del centravanti Giglio. Stasera (ore 19), presentazione di dirigenti, tecnici e giocatori davanti allo stadio, con il nuovo inno ᆱrapᄏ dei Tavola 28. Problemi per lᄡesordio interno del 9 settembre col Francavilla: si rischia di giocare sul neutro di Manfredonia.

Fonte: La Gazzetta dello Sport