ATLETICO ROMA: Giuffr�, “Portiamo la citt� di Roma al livello delle grandi capitali europee”

0
21 views

Nonostante la sconfitta di Taranto, il gol di Padella al 90´ ha spalancato all´Atletico Roma le porte della finale play-off grazie al miglior piazzamento in classifica. Ora i capitolini avranno lo stesso piccolo vantaggio nei prossimi 180 minuti contro la Juve Stabia, ma il direttore sportivo Vincenzo Giuffr� va cauto nei proclami e – nell´intervista esclusiva concessa ai microfoni di TuttoLegaPro.com – afferma: “La stessa Juve Stabia � riuscita a ribaltare il pronostico contro il Benevento: non ci sono favoriti”. Allo stesso tempo, per�, il ds sottolinea come la terza squadra di Roma sia ad un passo da un traguardo storico, visto che potrebbe permettere alla “Citt� eterna” di arrivare ad avere ben tre squadre nelle due maggiori categorie: “Noi lo chiamiamo sogno, ma anche appuntamento con la storia: portare la terza squadra di Roma in Serie B sarebbe come avvicinarsi alle grandi capitali europee”.

Direttore, � stato un match al cardiopalmo quella di domenica scorsa a Taranto…
“S�, � stata una partita che entrer� nella nostra piccola e giovane storia sia per l´andamento sia per ci� che ha rappresentato. Dalla Lodigiani per passare alla Cisco diventa un traguardo storico giocarsi la finale per la Serie B. Per il presidente Ciaccia � un qualcosa di straordinario, soprattutto se pensiamo a dove eravamo due anni fa e quindi da dove sono partiti i fratelli Ciaccia: dalla C2 siamo alle porte di un sogno”.

Un sogno che tra le altre cose vi vede favoriti dalla posizione in classifica…
“E´ un piccolo vantaggio che ci ha portato a giocarci questa doppia sfida. Per� sottolineo che � veramente piccolo: noi lo avevamo anche col Taranto e abbiamo rischiato di uscire, anche se poi siamo riusciti a sfruttarlo. E poi ricordo che la Juve Stabia � riuscita a ribaltare il pronostico contro il Benevento: insomma sono due partite – o meglio una unica da 180´ – dove non ci sono favoriti”.

Da Castellammare di Stabia provengono per� dichiarazioni dal tono inequivocabile. Una su tutte � quella del dg Di Somma: “Vinceremo la finale regalando la gioia della promozione alla citt�”. Voi come rispondete?
“Convinti lo siamo anche noi. Convinti dei nostri mezzi, della nostra forza, della qualit� della nostra squadra. Tutto quello che abbiamo fatto quest´anno ci d� la convinzione di poterci giocare le nostre carte in questa finale. Sono contento per loro se sono cos� sicuri, ma a parte gli scherzi noi pure siamo convinti e sicuri del nostro lavoro, del nostro mister, della nostra societ�. Ed � con queste convinzioni che ci apprestiamo a vivere la finale. Questa doppia sfida potr� essere decisa dagli episodi, come gi� successo con il Taranto. Quando si arriva a giocarsi una finale vuole dire che entrambe le formazioni hanno le carte da giocarsi per vincere. La Juve Stabia ha un organico di livello e un allenatore abituato a giocarsi questi traguardi. Io comunque parlo di quello che abbiamo in casa noi e sono fiducioso perch� vedremo due grandi partite da parte nostra. Per� ripeto: nel calcio basta un minuto per stravolgere tutto. Non vado quindi oltre”.

Per� se riusciste nell´impresa la citt� di Roma avrebbe ben tre squadre nelle due maggiori categorie calcistiche italiane: questo � un dato di fatto importante.
“Questo sarebbe il secondo fatto storico e non riguarderebbe solo la citt� di Roma, ma un po´ tutta l´Italia. Infatti non ci sarebbe nessun´altra citt� con tre squadre tra A e B. Noi lo chiamiamo sogno, ma anche appuntamento con la storia: i dati statistici lo dicono. Portare la terza squadra di Roma in Serie B significherebbe avvicinarsi alle grandi capitali europee, da Londra in poi. Penso che una citt� come Roma lo merita”.

Questa stagione � stata caratterizzata dalle dimissioni di mister Incocciati. Cosa � cambiato col passaggio del testimone affidato a mister Chiappara? Si pu� dire comunque che siete arrivati fin qui anche grazie alla vostra prima guida tecnica?
“Ho fatto gi� riferimento a come siamo partiti due anni fa. Per una stagione intera e sette mesi di questa Incocciati � stato uno dei protagonisti, soprattutto della promozione raggiunta nella scorsa stagione. Per� da met� aprile quando � andato via, i protagonisti sono altri e su tutti Roberto Chiappara. Lui � il nostro attuale protagonista principale”.

Il tema caldo di queste ore � quello del calcio scommesse. Lei si � fatto un´idea di quello che sta accadendo? Come si pone nei confronti di questa brutta pagina del calcio italiano?
“Mi pongo in maniera molto cauta. C´� la magistratura sportiva e non che ci sta lavorando. Le notizie si accavallano, ma oggettivamente � una pagina molto brutta per il calcio italiano. Questo bisogna dirlo. Nel particolare � difficile parlarne perch� ogni minuto esce una notizia che poi bisogna discernere se sia vera o meno. Compete comunque alla magistratura accertare la veridicit� delle cose. Confidiamo quindi tutti nella magistratura e nel lavoro della giustizia sportiva. Vedremo che succede, anche se rimane il dispiacere perch� ancora una volta il calcio vive un periodo non felice”.

Nell´altro girone in finale se la giocano Hellas Verona e Salernitana: se la sente di fare un pronostico?
“Sono due societ�, ma soprattutto due piazze che meritano e che hanno vissuto anche la Serie A. Sarebbe stato bello vederle entrambe promosse. Se devo fare un pronostico, mi sembra che la Salernitana abbia – come noi – il vantaggio di classifica. Solo per questo credo sia un pizzico favorita. Ma sono due squadre veramente importanti e se la giocheranno fino alla fine, cos� come succeder� a noi”.

Fonte: tuttolegapro