AVELLINO: Pezzella, Massimo e Moxedano, “Onorati di essere qui, ora al lavoro”

0
22 views

Dopo la presentazione del ds Enzo De Vito, la parola in conferenza � passata ai tre nuovi acquisti dell´Avellino: Pezzella, Massimo e Moxedano.

�Pur avendo una certa esperienza alle spalle (ha 31 anni, ndr) � ha spiegato il primo � � per me un grande orgoglio vestire questa gloriosa maglia. Ad Avellino mi rimetto in discussione perch� pur avendo vinto un campionato con la Juve Stabia, mi metto a disposizione di una societ� che ha un indiscusso blasone che voglio onorare al meglio. So che da me ci si aspetta molto perch� vado a coprire un vuoto lasciato scoperto in squadra, anche se i ragazzi che vi si sono alternati prima di me hanno fatto bene. Ricci nello specifico � un giovane di qualit� che pu� giocarsela tranquillamente, affidabile e sicuro. La salvezza resta naturalmente il nostro primo obiettivo, per esperienza so che nel girone di ritorno comincia un altro campionato per cui bisogna dimenticare quanto fatto finora per raggiungere quanto prima la salvezza, e poi cominciare a divertirsi�.
A domanda di TuttoAvellino.it sul peso che sente nel presidiare una fascia dalla quale sono arrivati spesso cross che hanno portato al gol, Pezzella risponde: �So che l�Avellino cercava un uomo di esperienza, sono qui per dare una mano a una difesa che comunque non � stata cos� tragica come sento dire�.

La parola passa dunque a Moxedano, che pi� o meno ripete le parole rilasciate a noi in esclusiva qualche giorno fa: �Sono qui per giocarmi una carta importante della mia carriera. Sono onoratissimo di vestire questa maglia, quando l�anno scorso sono giunto al Partenio da avversario mi sono emozionato nel giocare qui, � per me una gioia immensa quindi vestire ora questa maglia�. A domanda di TuttoAvellino.it (�Hai sempre giocato in categorie inferiori e a 27 anni puoi fialmente dimostrare il tuo valore�) ha risposto: �Effettivamente mi gioco una chance importante ma sono pronto e convinto di poter far bene. Mi trovo bene nel gioco adottato da Bucaro e ho gi� giocato nel 4-3-3�.

Infine Massimo, un �89 con cui l�Avellino copre la necessit� di avere in rosa giovani di tal periodo: �Sono orgogliosissimo di essere ad Avellino, una piazza importante pur arrivando dalla Roma, dove ero entrato nel giro della prima squadra. Qui trovo una realt� completamente diversa rispetto ad Aversa, bisogna lavorare tanto, metterci impegno ma penso di avere le caratteristiche giuste per il gioco di Bucaro. Il tecnico mi ha fatto una buona impressione, mi stimola molto e nei primi giorni di allenamento pretende tanto da me�. Nel 4-3-3 oltre ad attaccare bisogna anche prestare attenzione alla fase di interdizione, gli chiede TuttoAvellino: �A me piace molto impostare � risponde � un po� meno difendere ma con l�aiuto del mister cercher� di acquisire i requisiti fondamentali per fortificarmi anche in fase di non possesso�.

Fonte: tutto avellino