Buon punto a Viterbo per il Foggia: 1-1 il finale

0
44 views

Un buon punto, un punto che fa morale sul campo di quella che, alla vigilia della gara, era una delle due capolista. Un primo tempo quasi perfetto dei rossoneri che, come sempre, impongono il proprio gioco e “fanno la partita”. Nei primi venti minuti non succede praticamente nulla, anche se è il Foggia ad impensierire se pur timidamente il portiere avversario con uno stacco di Chiecchi. Poi più nulla sino al 23´ quando Umberto Del Core dopo una combinazione con Imbriani si trova a tu per tu con l´estremo viterbese Paoletti. Il bomber rossonero non fallisce e il vantaggio è cosa fatta. La squadra di Carboni si riorganizza ma non sembra impensierire più di tanto la difesa foggiana: c´è spazio solo per una conclusione di Frau ed una punizione di Martinetti, ma che fungono da campannello d´allarme per la banda di Marino. Al 39´ infatti dopo un ottimo lavoro di Frau, è Martinetti a finalizzare con un tiro di piatto destro. Dopo aver ottenuto il pari, la squadra di casa sulle ali dell´entusiasmo tenta di ribaltare completamente la situazione. Qualche altro buono spunto prima che dopo due minuti di recupero Lops di Torino mandi tutti negli spogliatoi. Le squadre rientrano in campo con gli stessi effettivi e l´inizio di ripresa è più vivace rispetto alla fase iniziale del primo tempo. Per il Foggia ci provano Imbriani e Del Core, ai quali tentativi rispondono i soliti Frau e Martinetti. Catalano claudicante non ce la fa e Marino lo sostiutuisce al 17´ della ripresa con La Rosa, mentre Carboni rileva prima Mannucci e fa posto a Favo, poi toglie l´autore del gol Martinetti ed inserisce Evacuo. Ma intanto è sempre il Foggia ha dare maggiormente l´impressione di voler vincer la partita, grazie sopratutto ad Umberto Del Core particolarmente tonico. Ma lo stesso bomber rossonero deve poi abbandonare per far posto a Da Silva. Il Foggia però continua a rendersi pericoloso con un tiro cross di Pennacchietti e con alcune mischia nell´area di rigore laziale. Non rischia praticamente più nulla sino al fischio finale di Lops di Torino che arriva dopo quattro minuti di recupero.