CALCIOSCOMMESSE: la FIGC decide pene pi� severe

0
26 views

La prima mossa del Palazzo del calcio per arginare la vicenda scommesse � quella di inasprire le pene �per far emergere la responsabilit� di chi � a conoscenza di determinate situazioni e non le denuncia�, come ha spiegato il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete. Un Consiglio federale-fiume (durato poco pi� di sette ore), conclusosi con la modifica degli articoli 6 e 7 del Codice di giustizia sportiva e l�obiettivo nel futuro prossimo di �rafforzare il quadro sanzionatorio dell�illecito sportivo legato alle scommesse�. Un Consiglio federale-fiume, quello di oggi, che ha visto il �ritorno� della Lega di serie A, con il presidente Maurizio Beretta e i consiglieri Massimo Cellino (Cagliari) e Claudio Lotito (Lazio), durante il quale si � parlato per lo pi� dell�inchiesta di Cremona sul Calcioscommesse. Abete spiega che le nuove sanzioni – squalifiche pi� pesanti e pene pecuniarie – non si applicheranno comunque alle inchieste in corso e non varranno per il pregresso. Il numero 1 della Federcalcio ribadisce in ogni caso la necessit� di �chiudere� la vicenda prima dell�inizio della prossima stagione, perch� �se dicessimo che tutto quello che � avvenuto nella stagione 2010-2011 verr� valutato e sanzionato nella prossima stagione ci sarebbe una perdita di credibilit�. Abete annuncia che ci sar� un prossimo Consiglio federale il 14 giugno, durante il quale – anche alla luce dell�incontro previsto domani al Viminale con il Coni e il ministro dell�Interno Roberto Maroni – verranno prese altre decisioni. Il presidente federale sottolinea poi un concetto: �Che ci sia un calcio con comportamenti impropri � un fatto che va rimosso ma � fisiologico, se si pensa che il nostro movimento raccoglie migliaia di persone e pu� starci che ci sia qualche comportamento improprio�. �Sono molto pi� preoccupato quando ci sono situazioni corruttive che riguardano il ceto dirigente. Il calcio ha tanti problemi, ma non penso che stia peggio della media della societ� italiana�, sottolinea Abete. Egli respinge d�altra parte il �j�accus� alla Procura federale lanciate dall�avvocato del giocatore del Sassuolo Daniele Quadrini. �La Procura federale ha ricevuto l�esposto del giocatore l�11 maggio – ha spiegato il numero 1 della Figc – e il giocatore era stato convocato per il primo giugno ma poi l�interrogatorio � stato rimandato per il superamento dei fatti. Non so se la comunicazione dell�avvocato di Quadrini faccia riferimento specifico a eventi collegati alle partite, o sia una situazione di potenziale denuncia a 360 gradi. Se � una denuncia generica va verificata, se attiene a una partita si riferisce a un mese e mezzo prima�. Nel Consiglio federale di oggi non si � parlato per� solo di Calcioscommesse. In vista dell�assemblea statutaria del 20 giugno prossimo, il Consiglio ha continuato la discussione sulle proposte di modifica al testo vigente. Su alcuni articoli la Federcalcio voter� per adeguarsi ai principi informatori del Coni, mentre su altre proposte � aperto il dibattito di politica sportiva che proseguir� nel prossimo Consiglio federale previsto, appunto, marted� prossimo.

Fonte: resport