Camporese: “Con l´Avellino, pi� che voglia di riscatto c´� voglia di far bene allo Zaccheria”

0
34 views

Ricomincia una nuova settimana di lavoro per il Foggia dopo la vittoria contro l´Entella, e in vista del prossimo impegno allo Zaccheria contro l´Avellino. In sala stampa si presenta Michele Camporese per la conseueta conferenza stampa infrasettimanale. Queste le sue dichiarazioni:
“La vittoria a Chiavari ci porta positivit� ed entusiasmo per affrontare l´Avellino in modo da cercare una vittoria che ci permetterebbe di fare un filotto di risultati utili che nel girone d´andata non siamo mai riusciti ad ottenere. Il nuovo modulo? Personalmente mi piace e stiamo facendo bene, pu� essere una soluzione in pi�. Ma al di l� del modulo credo che sia ancor pi� importante l´atteggiamento che si ha nell´interpretazione della partita, serve la voglia di vincere, di fare gol, di non subirne. A volte, nel girone d´andata, questo � mancato. Comunque con il 3-5-2 stiamo acquisendo positivit� e gi� nella gara col Pescara avevamo giocato bene. Contro l´Avellino sar� un´altra partita rispetto all´andata, noi giocheremo come al solito, sapendo che loro sono una squadra che solitamente concede poco agli avversari. Personalmente sto bene dal punto di vista fisico e ho recuperato anche dal piccolo problemino che avevo avuto al ginocchio.
La gara a porte chiuse? Credo sia una sconfitta per tutti, � normale che vorremmo il nostro pubblico, anche perch� con il loro calore � tutta un´altra cosa. Purtroppo non dipende da noi e dobbiamo adeguarci. Risultati positivi solo in trasferta? Non so dare una spiegazione a questo, noi andiamo in campo sempre per vincere. Ad esempio col Pescara abbiamo fatto un´ottima partita mentre loro hanno avuto una sola occasione, hanno segnato e poi si sono chiusi, e succede spesso. Quindi diventa sempre difficile recuperare. Io credo che sia soprattutto un problema mentale, mi piacerebbe che la salvezza passasse per lo Zaccheria, ma intanto fino ad ora sta passando solo per le gare in trasferta.
La settimana scorsa non � stata delle pi� belle, per via delle vicissitudini societarie. La vittoria di Chiavari, che abbiamo dedicato al patron, ci ha per� dato pi� serenit�. Abbiamo parlato con i tifosi e ci hanno detto che penseranno solo a tifare, e noi dobbiamo pensare solo al campo.
A Chiavari negli ultimi minuti siamo un po´ calati fisicamente, ad esempio Kragl ha sofferto l´ingresso di Nizzetto, e le loro sortite sono arrivate soprattutto sugli esterni, mentre centralmente non ci hanno impensierito affatto. Abbiamo sofferto sui loro traversoni e anche sui nostri errori in fase di palleggio, quando ci� accade perdiamo molto del nostro modo di giocare.
Ora siamo fuori dalla zona pericolosa, ma io la classifica non la guardo perch� basta un risultato buono e risali, poi con una sconfitta sei nuovamente sotto.
I nuovi compagni si sono presentati bene, col tempo speriamo arrivino i risultati che ci aspettiamo. Con loro mi trovo bene, Tonucci � un grande, si � subito adattato e si � applicato con impegno, e sta facendo molto bene. Dobbiamo lavorare tanto, c´� sempre da migliorare per colmare le lacune che si sono viste in passato. Giochiamo un buon calcio, siamo forse la miglior squadra sotto questo punto di vista, e lavoriamo per quello, dobbiamo credere in ci� che facciamo, sono certo che nel girone di ritorno non saremo pi� la peggior difesa del campionato.
La quota salvezza? La fissiamo a 50 punti e proviamo ad arrivarci prima possibile. Voglia di riscatto contro l´Avellino? Pi� che altro � voglia di fare bene allo Zaccheria!”