Caro amico ti scrivo…

0
19 views

Caro Marco,
apprendo con estremo stupore, a pagina 9 dellᄡedizione odierna del giornale “lᄡAttacco”, di una dichiarazione nella quale, sinteticamente, mi dipingi come una persona “prigioniera del suo passato”, ribadendo la tua “stima professionale e morale nei riguardi di Piero Paciello”.

Nella conferenza stampa di ieri, mercoled� 25 maggio, ho raccontato un episodio riferitomi da te e relativo alle pressioni di richieste economiche, sotto forma di pubblicit� sul detto giornale, da parte del sig. Paciello.
Mi hai riferito di una confidenza e non ti nascondo che ci ho pensato molto prima di riferirla “urbi et orbi”; allo stesso tempo, per�, ho ritenuto opportuno dichiarare quanto da te detto perch� non � pi� possibile continuare ad essere ostaggi di pseudo-giornalisti, pluri-falliti e sottoposti a processi civili e penali per diffamazione.

Sei lᄡunico amico che ho e me lo hai dimostrato in maniera disinteressata, non avendo mai avuto nulla da me. Sono certo che tu quelle dichiarazioni non le hai mai rilasciate e ti sarei grato se volessi darmene conferma. Con la stima di sempre.

La presente la estendo anche a te, Lucio, pur sapendo delle tue forzate cointeressenze con “l�Attacco”. Se non sbaglio, anche tu foraggi il giornale con pubblicit� indotta da qualcuno.
Abbi anche tu il coraggio delle tue opinioni perch� se un uomo non ha il coraggio delle opinioni, o le sue opinioni non valgono niente oppure non vale niente l�uomo.
Rifletti sulla circostanza che sei l�unico a continuare nella pubblicit�.

Infine, invito il sig. Domenico Cataneo a chiarire pubblicamente quanto prima se le dichiarazioni a lui attribuite nell�edizione di mercoled� 25 maggio de “l�Attacco” – “Casillo non ha una lira, quando aveva i soldi li ripuliva col calcio…ora non li ha e pensa di farli attraverso il calcio” – siano state realmente rilasciate o, come al solito, travisate dall�autore dell�articolo in questione, nei cui confronti riservo ogni azione civile e penale.

Pasquale Casillo

Fonte: U.S. Foggia
Foto: Antonello Forcelli