CAVESE: due giorni per reperire 500mila euro

0
17 views

Due giorni dividono la Cavese dalla data fissata da Giuseppe Spatola per raccogliere la somma di cinquecentomila euro, ma ancora non si � avuta alcuna evoluzione della situazione riguardante un possibile ingresso di nuovi soci. Che dovrebbero subentrare il prima possibile per garantire la continuit� del club aquilotto nel professionismo. Secondo indiscrezioni, ci sarebbero imprenditori interessati come lo stesso Luigi Calluori, dal quale prima il sindaco Marco Galdi e poi lo stesso Spatola aspettano un segnale, ma se l�ex presidente del Potenza entrer� prima o dopo l�iscrizione non � dato sapere. A questo punto se non avr� notizie utili dal sindaco Marco Galdi, Spatola dovr� rassegnarsi. Ricominciare da zero, da una categoria inferiore con l�ambizione di un�immediata risalita. La realt� allo stato attuale � questa: c�� una fideiussione bancaria non ancora sbloccata, e la condizione gi� spiegata dallo stesso Spatola per poterlo fare � rispettare i pagamenti degli stipendi. Con i giocatori di propriet� della Cavese c�� un accordo per poter garantire solo una parte degli arretrati, e gli atleti pur di aiutare il sodalizio a non sparire hanno accettato di decurtarsi le pretese economiche, ma sar� questione di giorni e quindi non una situazione velocissima da sistemare.

Quindi, ancora deve essere completata la transazione con i tesserati i quali sono in attesa di buone nuove, e comunque per pagare c�� tempo fino al 24 giugno. Del resto, Spatola lo aveva detto: il silenzio di questi giorni lo sta preoccupando e non poco, e pur essendo ancora ottimista il primo cittadino Galdi, il patron non ha visto riscontri concreti. Si attribuisce il fatto anche alla ristrettezza dei tempi, perch� i cinquecentomila euro che Spatola ha individuato per mantenere in vita la societ� sono una somma importante da reperire in una decina di giorni, e aleggia ora nella piazza di Cava il timore che la Cavese possa avere grosse difficolt� a sopravvivere. “Non penso proprio si stia lavorando sotto traccia – ha ammesso un preoccupato Spatola – Non penso proprio. Temo invece ci sia indifferenza, oppure che ci siano problemi pi� grossi in questo periodo. Ultimamente � mancato proprio il dialogo: io credo che chiunque sia interessato a entrare nella Cavese si debba fare vivo, ma non mi ha contattato nessuno”. Spatola chieder� che si organizzi nei prossimi giorni, forse proprio venerd� 10, un�altra assemblea, pubblica o privata, alla quale chieder� che sia presente anche il sindaco.

Fonte: la citt� di salerno