Che strano il calcio…

0
20 views

Che strano il calcio. Strano come la classifica, che ieri, per il Foggia, ha toccato il suo distacco massimo dalla zona tranquillit� (-5 seppur con una gara ed un punto in meno), ma che al contempo ha strappato gli applausi convinti dello Zaccheria, al termine della partita persa contro la Ternana.

Che strano il calcio quando le モpiccoleヤ battono le モgrandi, vincono partite su partite in un campionato ricco di equilibrio ed incertezze.

Che strano il calcio, capace di deludere i tifosi per tutto il girone di andata, magari anche per un pareggio rubacchiato senza merito, ma al contempo capace di renderli orgogliosi e pieni dメaffetto per la propria squadra, dopo una sconfitta rimediata con onore in una partita tutto cuore.

Che strano, stranissimo, forse anche crudele il calcio, quando prendi gol con un tiraccio da venti metri di Ferrari, quello che fino alla settimana prima, i gol, avrebbe dovuto realizzarli per te ed adesso si trasforma nel peggior carnefice.

Che strano il calcio, quando un portiere commette due errori pesantissimi per poi essere rincuorato e coccolato dalla piazza, riconoscente per le parate fatte in tutto il campionato, consapevole che pi� di una volta il numero uno ha portato da solo punti in classifica.

Che strano il calcio quando lo Zaccheria decide di tornare campo caldo ed a met� secondo tempo spinge in porta quel pallone di Visone. Bastava una triangolazione ben riuscita per riaccendere la scintilla e mettere in soggezione gli avversari.

Che strano giocare a Foggia, dove se sei penultimo in classifica e sei seguito in trasferta da almeno trecento scalmanati. Si dice ci sia pressione, ma forse basta solo saperla trasformare in energia positiva per viaggiare sulle ali dellメentusiasmo.

Che strana la domenica appena passata, piena di controsensi e situazioni illogiche. Il calcio, d�altra parte, non ne � esente. Tutti, per�, sperano che quella contro la Ternana sia stata solo una parentesi e niente pi�. Sabato prossimo non ci saranno ex dal dente avvelenato. Non ci saranno concorrenti alla salvezza che scappano via in classifica. Tutto dev�essere normale, con i tre punti assegnati a chi merita ed i tifosi (si spera) ripagati per il loro instancabile sostegno.