CHI HA FATTO BENE E CHI NO: MARCO ZAMBELLI

0
139 views

scritto da Piero Colangelo
Match Analyst FIGC, SICS , PANINI
Allenatore UEFA B
Osservatore Scout R.O.I.

Nel campionato appena concluso sono stati tanti i calciatori foggiani che hanno subito una serie quasi interminabile di infortuni. Nella maggior parte dei casi si è trattato di problemi di natura muscolare che hanno ridotto notevolmente il loro rendimento e creato spesso problemi all’allenatore che, non di rado , nel compilare la formazione, si è ritrovato con gli uomini contati e ruoli scoperti. Tra i più soggetti ad infortuni va annoverato Zambelli.
Acquisito dal Foggia nel gennaio del 2018 con l’intento di integrare la rosa con un esterno basso che fosse un’alternativa a Gerbo ma che , al tempo stesso, fosse dotato di caratteristiche maggiormente difensive rispetto al calciatore piemontese di Valenza Po, Zambelli è subito entrato nelle simpatie dell’ambiente rossonero, dimostrando anche a Foggia di essere un calciatore dotato di grande professionalità. Abbastanza schivo e riservato, il bresciano è poco propenso a rilasciare interviste e soprattutto proclami che infiammano la piazza, ma in questi due anni vissuti in Capitanata è stato tra coloro che nello spogliatoio si è maggiormente distinto nel creare motivazioni al gruppo e dare esempio di attaccamento alla maglia.
Nonostante che in questa stagione sia stato presente nella rosa sin dal ritiro estivo ha giocato quasi lo stesso numero di partite della precedente a causa dei già citati infortuni patiti. Non va dimenticato come il calciatore durante la sua lunga e dispendiosa carriera sia andato incontro a diversi infortuni, alcuni dei quali abbastanza seri. Solo diciannove presenze quest’anno, rispetto alle tredici della scorsa stagione quando giunse a Foggia da svincolato. Un apporto senza dubbio limitato, poiché solo sedici volte è partito titolare ed in ben nove occasioni è stato sostituito.
Zambelli è arrivato alla soglia dei trentaquattro anni e risulta evidente come i suoi muscoli , per le ragioni anzidette, abbiano mostrato quest’anno di non essere più in grado di sopportare il carico di lavoro che un campionato di serie B comporta.
Il bresciano comunque può vantare una carriera di tutto rispetto. Le cose migliori le ha fatte a Brescia, sua città natale, dove ha cominciato a dare i primi calci ed ha esordito in prima squadra all’età di 19 anni in serie A. Con la maglia del Brescia ha giocato quasi trecento partite , la maggior parte in campionati di B, divenendo il capitano della rondinelle a soli 22 anni. Serse Cosmi ne intuì subito le doti di calciatore carismatico.
Zambelli non è in possesso di grande doti tecniche, non ha una grande abilità nel dribbling e nemmeno si può affermare che sia un calciatore particolarmente bravo nei recuperi difensivi. Però ciò che ha fatto di Zambelli uno dei migliori giocatori di fascia in seconda divisione, sono state le sue eccezionali doti aerobiche che permettono al calciatore di giocare a tutta fascia eseguendo con straordinaria diligenza le due fasi per tutti i novanta minuti.
Il calciatore si dimostra bravo nella conduzione della palla e preciso nel cross dal fondo. Bravo anche tatticamente nel leggere sempre le situazioni e trovare la giocata migliore. Discreto nei movimenti senza palla e soprattutto nel cercare la sovrapposizione con l’esterno alto o con il centrocampista che scivola sulla fascia. Raramente si propone per il tiro a rete , infatti nella sua carriera si possono contare solo 8 reti.
Andando ad analizzare lo score rilevato dai dati statistici wyscout della stagione calcistica appena conclusa, si evidenzia come il calciatore non abbia disputato la sua stagione più positiva.
Soltanto il 25, 87 % sono stati i cross e traversoni che hanno raggiunto un compagno, in pratica 1 su 4. Anche per quanto riguarda l’aspetto della combattività, i duelli vinti parlano di un dato appena sufficiente 44,4 %. Buono è soltanto il numero delle palle recuperate nella metà campo avversaria, 6,29 in media a partita , mentre basso è il numero dei passaggi chiave riusciti 0,14.