Conosciamo meglio i candidati allenatori rossoneri

0
12 views

A cavallo tra la fine di questa settimana e l�inizio della prossima settimana il Foggia avr� il suo nuovo allenatore e staff tecnico.
Il direttore sportivo Giuseppe Di Bari sta lavorando alacremente per ricercare una guida tecnica idonea ai progetti della societ� che, come affermato dai dirigenti nel corso della conferenza stampa, stima su quota 1,8 Milioni l�esborso per questa stagione, costruendo una squadra composta da un mix di giocatori esperti e di giovani promesse.

Sono circolati in questi giorni tanti nomi e forse � il caso di fare un analisi su quelli che, salvo sorprese, sembrano i principali candidati:

Francesco Cozza ha appeso le scarpette al chiodo nel 2010. Da allora ha vissuto unᄡesperienza come collaboratore di Atzori nella Reggina.
Nella stagione 2011/12 affronta la sua prima esperienza da allenatore nel Catanzaro in 2^ divisione, portando i giallorossi alla promozione grazie al 2ᄚ posto conquistato con 83 punti.
La stagione successiva non � per� altrettanto fortunata e il tecnico cariatese viene esonerato dopo 27 giornate in cui aveva raccolto 33 punti.
Nella passata stagione Cozza ha allenato il Pisa per 12 giornate ottenendo 19 punti, subentrando a Pagliari al termine del girone dᄡandata e venendo sostituito da Menichini.

Stefano Sottili ha affrontato la sua prima esperienza da allenatore in Serie D nella Sarzanese nella veste di giocatore-allenatore dallᄡaprile del 2008.
Dopo l�esperienza sulla panchina del Valle d�Aosta, sempre in Serie D, iniziata nel gennaio 2009 e conclusa con una salvezza ottenuta nei play-out contro il Ciri�, il tecnico � tornato a sedersi sulla panchina della Sarzanese, perdendo i play-off per la 2^ divisione contro il Virtus Entella.
La prima esperienza in Lega Pro arriva nel 2010/11 quando il tecnico toscano domina il campionato di 2^ Divisione, rimanendo in vetta per 29 delle 30 partite, ottenendo la promozione con 65 punti.
Tuttavia Sottili non rimane a Carpi e nella stagione successiva si siede sulla panchina della Carrarese (1^ divisione), con la quale ottiene un 9ᄚ posto con 45 punti conquistati in 34 partite.
Dopo una mezza stagione senza squadra, il figlinese subentra a gennaio a Diego Zanin sulla panchina dellᄡUnione Venezia, militante in 2^ Divisione, portando la squadra veneta alla promozione in 1^ Divisione attraverso i play-off.
Nelle ultime due stagioni l�allenatore ha assaporato la Serie B con il Varese: nella stagione 2012/13 venne esonerato il 25 novembre dopo aver raccolto 20 punti nelle prime 15 partite; nella stagione 2013/14 subentr� a Carmine Gautieri il 15 marzo venendo tuttavia nuovamente sollevato dall�incarico il 17 maggio, dopo aver ottenuto 2 viittorie, 1 pareggio e 7 sconfitte.

L�ultimo, ma solo per ordine alfabetico, dei chiacchierati possibili allenatori del Foggia � Domenico Toscano.
Dopo il ritiro e la gavetta nella formazione Berretti del Rende, Toscano si � seduto nel 2007 sulla panchina del Cosenza in Serie D.
Alla guida dei Silani il tecnico ottiene due promozioni consecutive che riportano i calabresi in 1^ divisione.
Nella stagione 2009/10 viene esonerato a 5 giornate dal termine. Venne poi richiamato sulla panchina rossobl� nella stagione seguente, in un�annata travagliata per i cosentini che si concluse con la retrocessione, sedendo sulla panchina solamente per 2 turni, ottenendo 2 sconfitte, prima di dimettersi.
Nel 2011/12 siede sulla panchina della Ternana con la quale ottiene la promozione in Serie B con 2 turni di anticipo, concludendo il campionato con 65 punti conquistati in 34 giornate.
Dopo aver guidato la formazione umbra ad un tranquillo campionato di Serie B, concluso al 9� posto con 53 punti in 42 partite, nella stagione appena conclusasi il tecnico reggino � stato esonerato dalla guida dei rossoverdi il 31 dicembre, pagando gli scarsi risultati nel girone d�andata della sua squadra.

Questi i 3 nomi che sono maggiormente circolati in questi giorni ma, conoscendo il nostro direttore sportivo e la sua capacit� di tenere nascoste fino all�ultimo le trattative, potremmo aspettarci anche delle sorprese.