DᄡAmico: “Vogliamo fare un miracolo per i tifosi”

0
15 views

Il tempo passa, la semifinale di andata dello Zaccheria si avvicina, sale la febbre playoff. A quarantotto ore dalla sfida contro il Benevento, Tony DᄡAmico fa il punto della situazione in casa Foggia.
“Confesso di non essere troppo nervoso -afferma il mediano rossonero-, n� io n� il gruppo in questo momento percepiamo un particolare clima di tensione. Naturalmente l�ansia aumenta con il passare dei minuti, ma in questi giorni abbiamo la testa sgombra, riusciamo anche a divertirci cercando di preparare al meglio il match”.
Se tra i calciatori sembra non esserci una particolare ansia, di tutt�altra matrice, tra i tifosi, � il clima che accompagna il countdown della gara dell�anno: “Mi fa piacere -prosegue D�Amico- che ci sia tutto questo entusiasmo attorno alla squadra da parte della tifoseria. Se penso alla prima gara stagionale, quella di Coppa Italia contro il Barletta, e all�affetto che quasi un anno dopo ci stanno riservando i nostri tifosi… Posso dire che siamo cresciuti insieme da quella gara ad oggi: sia noi come gruppo, sia la tifoseria. Noi abbiamo lavorato tantissimo e onorato sempre questa maglia, i tifosi ci sono stati sempre vicini e, dopo lo scetticismo iniziale, ci hanno sostenuto davvero in massa. Non vedo l�ora di scendere in campo domenica e vedere dal campo lo Zaccheria gremito, servir� a darci una ulteriore carica psicologica: noi ci crediamo e vogliamo fare questo miracolo per i nostri splendidi tifosi”.
Il Foggia si ripresenta ai playoff ad un anno di distanza dalla semifinale con la Cremonese, D�Amico sottolinea le differenze tra il Foggia dello scorso anno e il nuovo Foggia che si appresta ad affrontare il Benevento: “Sono due gruppi e due contesti completamente diversi. La squadra dello scorso anno era stata costruita per vincere il campionato, quest�anno avevamo obiettivi diversi ma siamo l� a giocarcela senza timore contro la seconda della classe. Non abbiamo paura del Benevento: � un�ottima squadra, ma noi siamo consapevoli delle nostre capacit�, della nostra forza. I dati parlano da soli: in due gare di campionato ce la siamo giocata alla pari con i campani, senza farci mai mettere sotto, anzi…”.
Spesso si dice che ai playoff trionfa non la squadra pi� forte, ma la squadra pi� in forma. Tra le quattro concorrenti per la B, Foggia e Benevento sembrano proprio le due formazioni pi� in palla: “Ai playoff conta poco la qualit� del singolo o lo stato di forma della squadra. Gli spareggi per la promozione sono un campionato a parte dove trionfa la squadra che ci arriva meglio a livello mentale… E noi abbiamo la mentalit� giusta”.