Foggia, � tornato il sereno

0
12 views

Serenit� e sorrisi. Solo Dio sa quanto i rossoneri ne avessero bisogno. Una squadra di giovani (vivaci e umorali) fonda tutto sull�entusiasmo e sull�autostima, doti che questo Foggia ha saputo procacciarsi sul campo, grazie a tre vittorie consecutive e a una dote di carattere, quella vista a Benevento, fino a d oggi latente. Il morale alla ripresa degli allenamenti � a dir poco alle stelle. Il pi� serio � Stringara. Da buon pompiere prova a spegnere gli ardori dei suoi per non far volare troppo la fantasia. Gli eccessi nei giovani fanno sempre male. La sua inflessibilit�, per�, dura ben poco, giusto il tempo di concludere la seduta atletica. Il tecnico si presta con Perpetuini ad uno scherzo ai danni del massaggiatore, finto infortunio e risate ai danni del collaboratore. La partitella di fine seduta � addirittura effervescente. Nessuno si risparmia, tutti lottano e si divertono. Cruz fa un gran gol ed esulta mostrando i muscoli; Molina prova la furbata con un tocco di mano, ma i compagni lo rimbrottano amichevolmente. Gi�, i compagni. Oggi c�erano tutti, nessuno escluso. L�infermeria d�incanto sembra essersi svuotata per la gioia del tecnico, costretto comunque a fare i conti con l�emergenza dettata dalle squalifiche. Ieri pomeriggio, infatti, il giudice sportivo ha fermato per un turno Traore, Perpetuini e Gigliotti. Stringara (anch�egli in punizione), pu� consolarsi con le assenze di Rosso e Tripoli tra le fila degli avversari, ma ancor di pi� con il morale ritrovato dei suoi, sulla voglia di scherzare e di divertirsi giocando a calcio. Potere di una vittoria. Anzi, tre.

Fonte: Domenico Carella – Il Mattino di Foggia e Provincia
Foto: Antonello Forcelli