Foggia, grana Zaccheria

0
25 views

Pelusi: “Grana Zaccheria? Sarebbe irragionevole non farci giocare domenica”. All�indomani del festival del gol (3-3) col Gladiator, il presidente del Foggia Davide Pelusi commenta a tutto campo l�avvio dei rossoneri in D. Prima, per�, d� sfogo ai timori di dover disputare l�esordio interno col Francavilla in campo neutro (Lucera in pole): la concessione dell�agibilit� � subordinata alle riunioni di oggi in Prefettura e, soprattutto, di domani a Bari, dove i Vigili del Fuoco detteranno precise prescrizioni (attese da mesi) su lavori a carico del Comune.

Sicurezza – C�� preoccupazione. “Sarebbe irragionevole tenere chiuso lo stadio, pi� sicuro di impianti come quello di Santa Maria Capua Vetere e altri � dice Pelusi �. Il rimedio della trasferta sarebbe pi� pericoloso del male. In passato, lo Zaccheria ha ospitato gare in condizioni peggiori e con maggiore affluenza. Farci restare a casa, poi, non sarebbe un segnale di credito alla nuova societ�. Prato rovinato? Migliora, si potrebbe giocare”. Gioved�, l�ultima parola sulla vicenda spetter� al sindaco Mongelli.

Lodi e… – Circa il debutto, Pelusi dispensa carezze a tecnico e squadra. E qualche critica costruttiva. “Temevo una figuraccia, l�avversaria era forte. Invece, ho ammirato un Foggia organizzato, con idee di gioco e circolazione di palla: in poco tempo, Padalino ha dato fisionomia e personalit�. Il risultato? Giusto”. Cosa non ha girato? “Come a Termoli, abbiamo sub�to un gol su palla inattiva. Forse � cercare il pelo nell�uovo, ma non si possono subire reti cos� ogni gara. Sul 2-1 per noi, abbiamo subito il forcing: magari le punte (Giglio e La Porta, ndr) dovevano far rifiatare la squadra…”. Citazioni per i singoli. “Alcuni mi hanno sorpreso. Come il mediano Quinto, capace di grande filtro e adattamento in difesa. Bene anche il centrale Esposito. Davanti, Coccia � entrato nelle azioni pi� importanti; quanto a La Porta, ha lottato su ogni pallone e ci ha evitato un k.o. immeritato, inventandosi e trasformando un rigore sul filo del gong”.

A rilento – Infine, gli abbonamenti: ieri sera erano 450, Cral esclusi. “Se dovessimo tradurre lᄡentusiasmo popolare in questo dato, sebbene provvisorio, saremmo delusiラconclude Pelusi ラ. Ma le attenuanti sono tante: la partenza in ritardo e lᄡattendismo dei tifosi, ancora alla finestra e provati dalle delusioni dellᄡultimo anno. Bonificare terra bruciata richiede tempo: aspettiamo la risposta finale e, magari, la considereremo eccezionale”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport