Galderisi:”Il Padova � forte ma il Cittadella � granitico”

0
12 views

PADOVA – Esordio da batticuore, ma vincente, sulla panchina del Foggia per Beppe Galderisi: 3-2 alla Pro Patria. Con tanto di messaggio ai naviganti: nella corsa ai play off ci sono anche i rossoneri pugliesi, ora a -4 dal Padova (31 a 35), quinto in classifica.
Lunedì prossimo al “Tombolato”, nel posticipo televisivo, tasterà il polso del Cittadella e anche le ambizioni della sua nuova truppa. Ma il Nanu si chiude a riccio, non si sbilancia. «Noi dobbiamo solo lavorare. E parecchio, altro che play off: il tempo, purtroppo, ci è nemico…». I biancoscudati li ha visti in tv, nella sfida dell’Euganeo terminata 2-2. «La squadra di Ezio Rossi è forte, nulla da dire, soprattutto lì davanti. Però mi ha impressionato il Foligno. Se il Padova era nelle condizioni degli umbri, finiva 4-0».
Galderisi aveva già visto Muzzi & C. in altre due occasioni: nel trionfo contro il Verona e nel ko casalingo con la Cremonese. «Se sono sorpreso di vederli quinti a 10 punti dalla vetta? Non conosco la situazione, forse qualche punto è stato perso per strada, ma in B ci possono arrivare anche con i play off. Ripeto, i biancoscudati sono forti: presi singolarmente, li colloco alla pari della squadra di Mondonico».
E il Cittadella, prossimo cliente del suo Foggia? «Verrebbe da dire granitico, per come si è comportato finora. Una cosa è certa, quella granata ha il miglior modo di gestire la situazione. Sia a livello societario, che di squadra, dove Foscarini sta facendo davvero un gran bel lavoro, valorizzando, tra l’altro, i giovani. Per noi lunedì sera la sfida al “Tombolato” sarà proprio dura, altro che storie».
Uno sguardo anche alle altre che stazionano nelle zone cosiddette nobili. Qui Beppe fa notare. «Attenzione al Foligno, che all’Euganeo ha dimostrato di non essere affatto una meteora. E occhio pure al Sassuolo, grande realtà della C1: entrambe giocano un calcio sbarazzino ma essenziale».

Fonte: Leggo