Grassadonia: “Abbiamo il coltello dalla parte del manico”

0
137 views

Prima della partenza per Verona, il tecnico Gianluca Grassadonia si � fermato ai microfoni della stampa locale al Pino Zaccheria. Queste le sue dichiarazioni:

La squadra � stanca fisicamente, abbiamo cercato di recuperare l�energie mentali e fisiche, qualcuno ancora non ha recuperato. Zambelli � fuori per la partita di sabato, cos� come Chiaretti per influenza, mentre Busellato ha recuperato… valuteremo gli altri con l�allenamento di domani. La gara � fondamentale, ci sar� tensione ed anche una paura sportiva, ma a questa va associato un grande coraggio. Entrambe le squadre vogliono raggiungere un traguardo. Mentalmente la squadra arriva bene, le ultime 8 giornate sono state partite da dentro fuori, le vittorie ci hanno fatto bene. Negli ultimi giorni abbiamo lavorato pi� sui concetti che sul lavoro fisico. E� fondamentale e non avevamo bisogno di questa trasferta per capire la vicinanza dei nostri tifosi, sappiamo che non dobbiamo deluderli, arriveremo all�obiettivo in primis per loro.
Troveremo una squadra agguerrita, che metter� in campo tutto quello che ha, cercher� di aggredirci con grande intensit�. Noi abbiamo grande convinzione e compattezza, sar� una partita da comprendere nei momenti… sulla carta il Verona � una squadra da primi posti e vorranno entrare a tutti i costi un posto nei playoff. Ci aspettiamo una squadra forte che sa leggere le situazioni in campo e far� la partita che dovr� fare. Essendo una finale questa � una gara a se e scenderemo in campo per cercare di vincerla, dobbiamo essere bravi ad abbinare un grande coraggio ed una grande consapevolezza. Faremo la nostra partita senza pensare agli altri campi, il calcio � cambiato, squadre che erano fuori da qualsiasi obiettivo hanno continuato ad impegnarsi. Anche le formazioni che sono fuori da questo campionato faranno la loro partita. Abbiamo il coltello dalla parte del manico e dobbiamo sfruttarlo vincendo. Gerbo ha speso tantissimo e non ha ancora recuperato, sto pensando a Ngawa che � a disposizione… tutto sommato possiamo riuscire a compensare le varie assenze.
Sono stato rimproverato dal mio staff e dovr� pagarli una cena per la rabbia dimostrata a fine gara, era finalizzata allo stress della gara, perch� tutti sentiamo la responsabilit� nei confronti di questa gente. I patron vengono a trovarci spesso, ci sono vicini e questo � importante per noi. La societ� ha fatto enormi sacrifici e noi dobbiamo fare di tutto per vincere sul campo. Il lavoro � sempre stato svolto con il massimo impegno, anche nei momenti difficili questa squadra non ha mai mollato, dobbiamo impegnarci per una piazza che vive di calcio, che merita la permanenza in categoria e anche di meglio.

Foto: Federico Antonellis