Il Foggia di Zeman sbarca in Irpinia

0
27 views

Dopo una seduta mattutina. Zeman ha ordinato ieri il rompete le righe per dare 48 ore di respiro ai suoi ragazzi prima di iniziare la seconda parte del ritiro di precampionato, a Savignano Irpino.

Diciasette giorni di lavoro a Valdaora, iniziati con una squadra ridotta all�osso (solo 12 convocati) ma completata nel giro di una settimana con l�arrivo di altri otto giocatori. Non � molto il tempo avuto a disposizione da Zeman. Per lui il ritiro ha bisogno di almeno 25 giorni di preparazione. Ecco di conseguenza spiegata la decisione di effettuare la seconda parte – dopo la prima a Valdaora – a Savignano. Nel piccolo centro irpino il Foggia rester� dall�11 al 22 di agosto. Non ci saranno pause. La prima partita ufficiale della stagione, quella di Coppa Italia, � prevista il giorno di Ferragosto a L�Aquila. La prima �interna� di Coppa, contro il Giulianova, il 18 agosto, si disputer� quasi certamente in campo neutro a Campobasso o a Vasto, ma su richiesta del Foggia che intende recuperare a pieno il terreno dello Zaccheria rimasto danneggiato dopo il concerto di Eros Ramazzotti.

Per mister Zeman occorre come dire bruciare i tempi, anche perch� il Foggia � atteso da un inizio in salita: le prime due giornate di campionato in casa saranno giocate a porte chiuse per via della squalifica rimediata dopo le intemperanze dei tifosi nel corso della partita Foggia-Pescina (gara di ritorno dello spareggio salvezza); poi � prevista una penalizzazione (da uno a sei punti) per via dei ritardi nella presentazione della fidejussione bancaria (400 mila euro) a garanzia del campionato.

Nel ritiro di Valdaora il Foggia ha disputato quattro amichevoli segnando 24 reti senza subirne neanche una. Test contro squadre dilettanti: 7-0 al Teodone (formazione di seconda categoria); 5-0 al Tauifers (squadra della lega B austriaca); 5-0 al Val di Casies (squadra di prima categoria) ed infine 7-0 allo Stegone (squadra di promozione).

Al momento il Foggia ha una rosa di 20 giocatori. I portieri: Gomis, Santarelli, Micale; in difesa: Basta, Candrina, Iozzia, Rigione, Romagnoli, Tomi, Torta e Regini; a centrocampo Salomon, Burrai, Kon� e Laribi; in attacco Agostinone, Varga, Sau, Insigne e Cortese. Il direttore sportivo Pavone � al lavoro per assicurare un secondo esterno difensivo destro. Poi la squadra dovrebbe essere completa. Un Foggia giovane, ma talentuoso, come richiesto da Zeman. I giocatori arrivati sono tutte eccellenze provenienti da Inter, Milan, Napoli, Sampdoria, Palermo, Chievo Verona, Atalanta, Torino, Brescia e Cagliari. Insomma, giovani di affidamento, osservati speciali dalle squadre di provenienza che si sono fidati del progetto Foggia affidato a Zeman, un progetto che punta a fare bene sin da questa stagione, e cio� a tentare di conquistare la B che manca da 12 anni.

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno