Il Foggia vince il 1ᄚ round: a Lecce termina 3-2 per i “Satanelli”

Il Foggia espugna per 2-3 il モVia del Mareヤ di Lecce, ritornando a vincere in Salento dopo ben 23 anni (Lecce-Foggia 0-2, campionato di Serie A 1993/94 con reti di Roy e Bresciani).
I �Satanelli� partono fortissimo e dopo 6 giri di orologio conducono gi� di due reti: Iemmello sblocca prima la gara al 3�, insaccando dopo aver eluso la trappola del fuorigioco e sfruttando il lancio di Gerbo, e poi sigla la sua doppietta personale insaccando con un tap-in il cross basso dalla sinistra di Chiric�. I padroni di casa per� non ci stanno, ed accorciano le distanze grazie al colpo di testa di Moscardelli al 37�, abile a sfruttare il passaggio di Abruzzese a termine di un�azione di corner. Sarno ristabilisce il doppio vantaggio per i rossoneri al 41�, dopo un perfetto scambio uno-due con Iemmello. La rete del definitivo 2-3 arriva al 71� e porta la firma di Lepore, che realizza spiazzando Narciso il calcio di rigore concesso per fallo dello stesso numero 1 ospite su Doumbia.

Braglia opta per un 4-3-3, sorprendendo tutti escludendo dall�11 iniziale Surraco. In porta c�� Perucchini, difesa con Alcibiade a destra, Abruzzese e Cosenza al centro, Legittimo a sinistra; centrocampo formato da Papini. Salvi e Lepore; in attacco, ai lati del centravanti Moscardelli, agiscono Doumbia e Liviero.
De Zerbi sceglie anch�egli un 4-3-3, schierando Narciso tra i pali; linea arretrata con Gerbo e Di Chiara terzini, Coletti e Loiacono centrali; nella zona centrale del campo agiscono Vacca, Agnelli e Riverola; in attacco Sarno e Chiric� agiscono ai fianchi di Iemmello.

Il Foggia non perde tempo e si porta subito in vantaggio: al 3ᄚ minuto Gerbo lancia Iemmello, il centravanti del Foggia si inserisce alle spalle della difesa giallorossa e batte Perucchini con il destro.
Doumbia prova a rimettere subito la partita in pareggio 120 secondi pi� tardi, ma il suo tiro, partito in condizione precaria, termina a lato.
Quando il cronometro segna il minuto 6 Iemmello raddoppia: bellissima azione personale di Chiric� che dalla sinistra si accentra e serve Iemmello che, appostato tra Abruzzese e Legittimo, piazza la sfera con il piattone destro alle spalle del portiere.
Al minuto 9 errore in fase di impostazione di Gerbo, Moscardelli recupera la sfera, se la porta sul sinistro e dal limite dellメarea di rigore scocca un tiro che termina alto.
Il primo angolo della partita viene battuto dal Foggia al 10� ma sulla battuta di Sarno nasce un�azione prolungata che non porta per� a nulla da segnalare.
2 minuti pi� tardi � Riverola a cercare il tiro dalla distanza, ma il suo tentativo non inquadra lo specchio della porta.
I rossoneri continuano ad attaccare e conquistano un nuovo corner al 14ᄚ, ma la parabola di Riverola termina direttamente tra le braccia di Perucchini.
Al 16� altro corner a favore del Foggia che porta al tiro in porta dalla distanza di Chiric� che viene deviato da un difensore nuovamente in angolo. Seguono altri due corner, sugli sviluppi del secondo Iemmello non riesce ad impattare bene la sfera e non impensierisce Perucchini, con la difesa che in seguito spazza.
Poco prima della met� della ripresa il gran tiro dalla distanza di Agnelli indirizzato all�angolino lato viene deviato nuovamente in angolo dal portiere locale. Ancora una volta dal primo tiro dalla bandierina ne scaturisce un secondo, prima della battuta del quale Braglia opera il primo cambio a sua disposizione inserendo Caturano in luogo di Liviero.
Prova a rendersi subito pericoloso Caturano, ma il suo colpo di testa su cross dalla destra di Lepore � troppo debole per impensierire Narciso.
Al 25� Riverola rimane a terra in seguito ad un contrasto, il Lecce prosegue l�azione finch� Vacca non entra in possesso della sfera spazzandola in rimessa laterale. Riverola, rialzatosi, si avvicina all�arbitro protestando, ottenendo solamente l�ammonizione.
Poco dopo � Lepore a rendersi pericoloso con un colpo di tacco volante, in seguito della sponda aerea di Moscardelli su un cross dalla sinistra, che non inquadra per� lo specchio della porta.
Allo scoccare della mezz�ora � ancora Lepore a cercare la porta dalla distanza, ma sbaglia nuovamente le misure.
Al 32� il tiro da fuori di Doumbia viene respinto da Narciso sui piedi di Caturano che per�, da ottima posizione, spara alto.
Passano 4 minuti ed il direttore di gara ammonisce Gerbo e Legittimo, entrati a contatto in maniera troppo veemente tra loro.
Sulla battuta della punizione seguente il Lecce accorcia le distanze: Lepore pennella al centro trovando la sponda aerea di Caturano che serve Abruzzese, il difensore, tutto solo, serve al centro Moscardelli che insacca alle spalle di Narciso.
Il Foggia non ci sta e riprende ad attaccare fino al 41ᄚ, minuto in cui Sarno trova la rete dellメ1-3, insaccando alle spalle di Perucchini dopo uno splendido triangolo con Iemmello.
La risposta dei padroni di casa arriva subito dopo con la zuccata di Moscardelli su cross dalla sinistra di Salvi che si infrange sul palo alla destra di un ben posizionato Narciso.
Negli ultimi minuti di gioco della prima frazione, compreso il minuto di recupero, non accade nulla di importante, con nessuno dei due portieri impensieriti da conclusioni a rete.

La ripresa ha inizio con gli stessi interpreti che avevano concluso i primi 45 minuti.
Al 47� il Lecce conquista il primo corner della seconda frazione con la torre di Alcibiade prima che la difesa spazzi sui piedi di Doumbia, il cui tiro viene deviato nuovamente in angolo. Sul nuovo tiro dalla bandierina la difesa foggiana � attenta e libera dal pericolo.
Un minuto pi� tardi � Papini a provarci dalla distanza sul retropassaggio di Moscardelli, senza inquadrare lo specchio della porta difesa da Narciso.
Al 51� � Moscardelli a cercare la via del gol con un tiro dalla distanza che impatta per� Loiacono.
Poco pi� di 60 secondi pi� tardi nuovo angolo battuto dal Lecce, ma anche questa volta sulla battuta di Lepore � la retroguardia rossonera ad avere la meglio.
Al 54ᄚ Doumbia affonda sulla sinistra e lascia partire un cross sul quale Moscardelli si esibisce in un grandissimo tiro al volo in rovesciata che termina di poco alla sinistra della porta difesa da Narciso.
Due minuti pi� tardi De Zerbi inserisce De Giosa, che non disputava una gara ufficiale dal lontano 20 dicembre, data di Martina Franca-Foggia 0-2, al posto di Chiric�, ridisegnando la sua squadra con un 3-4-3.
Al 59ᄚ il Foggia si riaffaccia in attacco conquistando un tiro dalla bandierina con la battuta di Sarno spizzata sul primo palo da Loiacono verso Iemmello appostato sul secondo che non riesce ad impensierire Perucchini di testa.
Poco dopo Riverola lancia a rete Iemmello che, disturbato da Alcibiade, colpisce male la sfera che viene controllata dal portiere locale.
Allo scoccare dellメora di gioco Braglia decide di effettuare il secondo cambio inserendo Surraco al posto di Alcibiade.
Al 62ᄚ cartellino giallo mostrato a Doumbia dopo un fallo tattico a centrocampo su Iemmello.
180 secondi dopo Gerbo viene lanciato da Iemmello verso la porta, ma lメerrore nel primo controllo da parte del numero 7 permette ad Abruzzese di rimontarlo e recuperare la sfera.
Si arriva al 70� ed il Lecce conquista un rigore: il rilancio lungo di Perucchini viene prolungato da Surraco per Doumbia che infila in velocit� Loiacono e, a all�interno dell�area di rigore per 30 centimetri, viene steso da Narciso, nell�occasione anche ammonito, che aveva precedentemente avuto un tentennamento nell�uscita.
Dal dischetto si presenta Lepore che, con una rincorsa ai limiti della regolarit�, riesce a spiazzare Narciso e realizzare quindi la rete del 2-3.
De Zerbi cerca di rialzare il baricentro del Foggia con lメex canterano del Barcellona Riverola che lascia spazio allメaltro spagnolo Sainz-Maza al 75ᄚ.
Gli ospiti battono un corner con Sarno, la sfera giunge a Iemmello che, con il suo colpo di testa, colpisce il braccio di Moscardelli in piena area di rigore, ma per il direttore di gara non ci sono gli estremi per il calcio di rigore.
Al 78� � Surraco a cercare la via del gol con un tiro dalla distanza che per� viene facilmente gestito da Narciso.
Lメultimo cambio del Foggia arriva al minuto 80, con Vacca che viene sostituito da Quinto.
Poco dopo � Coletti che prova a cercare la via del gol con una punizione da circa 35 metri, ma il suo tentativo si infrange direttamente sulla barriera.
Al minuto 83 � Gerbo a cercare un rasoterra dal vertice destro dell�area di rigore che viene bloccato da Perucchini.
Braglia opera il suo ultimo cambio poco pi� di 60 secondi pi� tardi, con Sowe che va a prendere il posto di Doumbia.
Allメ88ᄚ sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dalla difesa leccese, la sfera giunge a Surraco il cui tiro di contro balzo da poco fuori i 19 metri dellメarea di rigore, termina tra le braccia di Narciso.
Sull�azione seguente Iemmello vede Perucchini fuori dai pali e prova a batterlo con un lob che per� viene controllato dal portiere giallorosso.
Al 91ᄚ ammonito Lepore, per un fallo tattico a centrocampo su Sainz-Maza.
L�ultima emozione del match arriva nel corso del 2� dei 4 minuti di recupero quando il potente tiro di Moscardelli da 20 metri viene respinto da Narciso sui piedi di Sowe che per� non riesce a coordinarsi in tempo per il tap-in e spreca l�ultima vera occasione utile per cambiare il risultato del match.

Il Lecce ritorna a perdere in casa dopo un mese e mezzo, e precisamente dal 3 aprile, data di Lecce-Matera 1-2.
Il Foggia continua la sua cavalcata che ha permesso ai rossoneri di conquistare ben 10 vittorie nelle ultime 12 partite tra campionato, Coppa Italia e play-off.

Tabellino:

Lecce 2-3 Foggia
3ᄚ e 6ᄚ Iemmello (Fog); 37ᄚ Moscardelli (Lec); 41ᄚ Sarno (Fog); 71ᄚ rig. Lepore (Lec)

Formazioni:

Lecce (4-3-3): Perucchini; Alcibiade (60ᄚ Surraco) ヨ Cosenza ヨ Abruzzese ヨ Legittimo; Lepore ヨ Salvi ヨ Papini; Liviero (21ᄚ Caturano) ヨ Moscardelli ヨ Doumbia (84ᄚ Sowe)
A disposizione: Beduschi ヨ De Feudis ヨ Benassi ヨ Carrozza ヨ Vecsei ヨ Curiale ヨ Bleve ヨ Lo Sicco
Allenatore: Sig. Piero Braglia

Foggia (4-3-3): Narciso; Gerbo � Coletti � Loiacono � Di Chiara; Agnelli � Vacca (80� Quinto) � Riverola (75� Sainz-Maza); Sarno � Iemmello � Chiric� (56� De Giosa)
A disposizione: Micale ヨ Arcidiacono ヨ Lodesani ヨ Lauriola ヨ De Gennaro ヨ Floriano ヨ Lanzetta
Allenatore: Sig. Roberto De Zerbi

Ammoniti: 25ᄚ Riverola (Fog); 36ᄚ Gerbo (Fog); 36ᄚ Legittimo (Lec); 62ᄚ Doumbia (Lec); 70ᄚ Narciso (Fog); 91ᄚ Lepore (Lec)

Espulsi:

Arbitro: Sig. Marco Piccinini di Forl↓
1ᄚ Assistente: Sig. Claudio Pellegrini di Roma2
2ᄚ Assistente: Sig. Pierluigi Della Vecchia di Avellino
4ᄚ Uomo: Sig. Armando Ranaldi di Tivoli