Il giocatore della settimana – Alessandro Celli

Nonostante siano state giocate una decina di partite di campionato e due di coppa Italia la tifoseria rossonera non ha ancora avuto l�opportunit� di vedere all�opera, nemmeno come subentrato, Alessandro Celli, esterno basso sinistro, richiesto dal Foggia con insistenza alla societ� Rancing Roma sin dalla scorsa stagione e giunto nel capoluogo dauno nel corrente mercato estivo. Da titolare ha giocato soltanto per settanta minuti nella partita amichevole precampionato svoltasi a Bisceglie.
Celli si � messo in evidenza nei campionati di serie D e C, difendendo i colori di squadre dei dintorni di Roma mentre la sua carriera ha subito un brusco stop nel 2016 a seguito di un infortunio che non gli ha consentito di essere in campo per quasi due terzi del campionato.

Ho visionato il calciatore attraverso alcuni video riguardanti le partite della Rancing Roma nelle quali Celli ha sempre assunto la posizione di difensore sinistro in sistemi di gioco che prevedevano la difesa a quattro e ne ho tratto un giudizio non completamente positivo, soprattutto per quanto riguarda le sue conoscenze tattiche.
A volte la postura ed i movimenti rispetto alla posizione della palla e dell�attaccante avversario, appostato nella sua zona di competenza, non sono ottimali. In un campionato come quello cadetto, dove anche il pi� piccolo errore e la minima distrazione rischiano di essere pagati a caro prezzo la presenza in campo di un calciatore ancora non completamente maturo sotto l�aspetto tattico potrebbe risultare rischiosa.
Parliamo comunque di un calciatore che bench� non pi� giovanissimo, il ventotto gennaio compir� ventiquattro anni, dimostra ottime qualit� fisiche ed atletiche, buone capacit� tecniche e certamente margini di miglioramento.
Alessandro infatti � un calciatore dotato di un fisico alto e normolineo, con spalle perfettamente allineate che gli permettono equilibrio e coordinazione nei movimenti.
La corsa si presenta fluida ed il calciatore � in grado di sviluppare una buona velocit� sia sul corto che sul lungo. Dimostra anche di avere capacit� aerobiche pi� che buone, fondamentali per il ruolo che occupa.
Bravo nella marcatura laterale e nei contrasti non si dimostra un calciatore particolarmente falloso.
Dal punto di vista tecnico Celli mostra di avere una buona padronanza nel controllo della palla, mentre � da migliorare la conduzione, poich� non sempre la sfera � vicina ai piedi e quindi in pieno controllo. Dotato anche di un buon lancio lungo, specie in verticale e si pu� anche considerare anche pi� che sufficiente il suo colpo di testa.
In campo dimostra una buona personalit� sia nei confronti dei compagni di squadra che degli avversari. Non accetta di buon grado il rimprovero di un compagno e non � raro vederlo polemizzare con i calciatori della squadra avversaria.
E� auspicabile che Celli sotto la guida di un allenatore come Stroppa, a suo agio nel lavorare con i giovani, e di tutto lo staff tecnico foggiano possa colmare le sue lacune tattiche e tecniche in modo da divenire un elemento in grado di dare un importante apporto alla squadra quando verr� chiamato in causa.

Scritto da Piero Colangelo
Match analyst
Osservatore calcistico