Il Personaggio: Il Foggia come John Legend, “we just don´t care”

0
22 views

Riconoscete l´uomo ´immortalato´ nella foto? No? Ok, vi aiutiamo noi: è il cantante americano John Legend, noto al pubblico internazionale per alcuni suoi successi come la canzone “We just don´t care” che, qualche mese or sono, ha spopolato.
E, in questa giornata in cui il calcio è stato momentaneamente cancellato, a mente fredda, se ripensiamo al derby con il Manfredonia non puà che non tornarci in mente questa canzone: “we just don´t care”. Traduzione: “a noi non importa”. Stupendo, favoloso. Il Manfredonia non meritava di perdere 4-0? We just don´t care. I sipontini contestano la direzione dell´arbitro? We just don´t care. I cugini del golfo presentato un esposto alla Can C come ha fatto il Foggia? We just don´t care.
Se ne sono sentite di tutti i colori in questi giorni per quello che è stato ribattezzato “il derby dei veleni”, ma se si analizza bene la questione, magari non facendosi appannare la vista da un drappello colorato (rossonero o biancoceleste che sia) forse la moviola potrebbe risultare più chiara… Magari lasciando il dubbio a chi la vede… Ma queste cose lasciamole a Biscardi (che forse, comunque, avrebbe dato ragione al Manfredonia solo sul retropassaggio di Ignoffo intercettato con le mani da Castelli -sul quale c´era da assegnare un semplice calcio di punizione indiretto e non l´espulsione dell´estremo difensore come farneticava qualcuno- e non sui due gol annullati).
E´ stato un Foggia dinamico, tonico, determinato e cinico quello visto in campo contro il Manfredonia, dimostratosi avversario degno e duro (correva e faceva pressing anche sul 4-0) che forse non avrebbe meritato un risultato così netto ed imbarazzante. Un Foggia che può crescere. Che può ripartire dai tre punti ottenuti in casa per tentare la scalata. Ma che sicuramente deve ancora migliorare molto. E che, a dispetto di quanto detto da alcuni (“il Manfredonia ha dato lezioni di calcio al Foggia”), di queste lezioni ne vorrebbe avere tantissime se poi i risultati dovessero essere questi. E che se guarda indietro, tra cose buone e cose meno buone (e non ci riferiamo più soltanto al derby, ma al campionato dei rossoneri fino a questo momento), può dire “we just don´t care” aggiungendo a questa celebre frase, magari, “we go on”: a noi non importa, andiamo avanti.