Il punto sulla Serie D e sull´Eccellenza

0
59 views

Nella ventunesima giornata del girone H della Serie D grande impresa del Manfredonia che ha espugnato il terreno dell´ex capolista Isola Liri con il punteggio di 2 – 1. Padroni di casa in vantaggio al 36´. Gatti superava in velocità Zangla e si presentava solo davanti a De Marco, che lo atterrava. Il direttore di gara concedeva la massima punizione che Carlini trasformava. I sipontini reagivano immedietamente e al 38´ ottenevano il pareggio grazie a Cancellato che su perfetto cross di Vadacca metteva la sfera in rete nonostante il disperato tentativo di salvataggio di un difensore sulla linea di porta. Al 42´ il Manfredonia aveva una ghiotta occasione per portarsi in vantaggio. Vadacca s´involava verso la porta di Leacche, ma al momento del tiro veniva steso da Giusti in recupero. L´arbitro espelleva il difensore e concedeva il calcio di rigore. S´incaricava della trasformazione lo stesso Vadacca, ma l´estremo difensore dei padroni di casa si superava bloccando il tiro dell´attaccante. La rete vincente degli ospiti arrivava al 76´. Punizione di Latartara nei pressi dell´area di rigore, difesa locale immobile ed il pallone terminava tra i piedi di Cancellato che in diagonale metteva a segno la sua seconda rete della gara. Per la ventunesima giornata dell´Eccellenza Pugliese il San Giorgio Apricena ha pareggiato in casa con il Casarano con il punteggio di 2 – 2. Al 14´ ospiti pericolosi con Cazzella che con un tiro a volo centrava il palo alla destra di Cagnazzo. Padroni di casa in vantaggio al 27´. Pallone da Lupardi per Tummarello, che serviva di tacco De Benedictis il quale, con un tiro da venticinque metri, batteva Petranca. Al 74´ gli ospiti pervenivano al pareggio grazie a Cazzella che, servito da Di Dio, batteva Cagnazzo in diagonale. Al 79´ padroni di casa nuovamente in vantaggio. Tenace serviva Lupardi che veniva steso dall´estremo difensore ospite. Il direttore di gara concedeva il rigore ma non prendeva alcun provvedimento nei confronti di Petranca. Si incaricava della trasformazione De Benedictis che non falliva. Al 90´ l´arbitro decretava un calcio di rigore a favore del Casarano per un dubbio intervento di Palumbo nei confronti di Cazzella, molto contestato dai padroni di casa. Era lo stesso Cazzella ad incaricarsi della trasformazione ed a fissare il punteggio sul 2 – 2.