JUVE STABIA: Corona, “Ho sempre creduto nella finale”

0
20 views

Benevento. A fine gara Giorgio Corona � il pi� eccitato di tutti. Re Giorgio � stato il primo ad andare sotto la curva degli stabiesi applaudendo ma distribuendo anche maglietta e pantaloncini. Nudo alla meta. Corona resta in slip e dagli spalti si alza forte il coro: “Giorgio, Giorgio”. Uscire in semifinale e per quel maledetto rigore sarebbe stato un peso troppo grande per il bomber della Juve Stabia. Aveva promesso battaglia e cos� � stato anche al Ciro Vigorito.
Non ha segnato, ha fallito qualche occasione ma il cuore, come sempre, ce l’ha messo tutto. Si � anche defilato per far battere il calcio di rigore decisivo a Tarantino. Il suo motto � sempre stato: “Conta solo la Juve Stabia e non Corona o gli altri”. Parole di chi la sa lunga e di chi ne ha viste di tutti i colori dall’alto dei suoi 37 anni.
Prima di comparire in sala stampa, viene beccato nello spogliatoio dopo la doccia. Giorgio, allora quante partite mancano alla fine dei playoff? “Lo sapete bene io ve l’ho detto gi�”, risponde soddisfatto Re Giorgio.
“Se andiamo ad analizzare le due partite col Benevento dico che abbiamo meritato il passaggio in finale”, inizia Corona. “La gara di oggi ha visto il Benevento fallire occasioni gol ma solo negli ultimi dieci minuti. Nel finale loro ci hanno creato pericoli solo con lanci lunghi”, puntualizza l’attaccante della Juve Stabia.
Juve Stabia in finale e ora viene il bello. “Siamo arrivati a Roma e ora ce la giochiamo come abbiamo sempre fatto – commenta Corona – Il nostro segreto � quello di non festeggiare mai. Lo abbiamo fatto solo dopo Nocera. Qui c’� gente che durante la settimana arriva prima al campo per allenarsi bene. Siamo arrivati fin qui proprio perch� siamo sempre concentrati dal marted� fino alla domenica e dovr� essere cos� anche per la doppia finale”.
Infine Giorgio Corona commenta l’episodio del rigore assegnato da Di Bello alle Vespe e che, invece, ha fatto imbestialire Galderisi e i tifosi del Benevento. “Per me era netto – conclude con onest� il bomber palermitano – Forse non posso dire con certezza se c’erano gli estremi per l’espulsione. Rigore anche per il Benevento? Non lo so, non ho visto bene”.

Fonte: resport