L�analisi della 25.a giornata

0
17 views

Meno male che ci sono le tv, che ci regalano spettacoli come quello di ieri sera tra il Trapani e l�orgoglioso Siracusa, e, magari, anche stasera con l�altra capolista Ternana impegnata a Pisa. Meno male che possiamo assistere a prestazioni di calcio vero, tirato, anche divertente. Almeno possiamo renderci conto che la realt� di questa Prima divisione non � fatta solo dei problemi che la settimana ci sbatte in faccia.

I fatti di Foggia sono stati gravissimi: vedere un calciatore come Ginestra aggredito vigliaccamente senza difese � allucinante, ma la risposta dello sport e del calcio � quella che hanno regalato i suoi compagni andando a vincere a Reggio Emilia. Poi ci sono le problematiche dei club, quelli che lottano con i fallimenti (Spal, Piacenza, Triestina) e quelli che si preparano a un altro mercoled� di passione, come il Como: la Disciplinare ha pronte altre penalizzazioni, senza scordarci per� che � sempre possibile che spunti all�improvviso la Corte di Giustizia a rivedere le cose, come accaduto la settimana scorsa. Quello dei tribunali � un altro campionato.

Noi preferiamo quello della domenica (e del luned� sera), che si accende e diverte. La lotta per il primo posto � chiara, quella per i playoff e la salvezza apertissima. E il risveglio di big come Spezia, Cremonese e Benevento � stuzzicante come il volo di squadre giovani quali Foggia, Carrarese e Lanciano. S�, i giovani che tanto invoca la Lega Pro. Ma che non sono tutto.

Fonte: La Gazzetta dello Sport
foto: antonello forcelli