LA CRONACA: Un punto che non cambia nulla. -6 dai playoff e +6 dai playout

0
27 views

Termina con uno scialbo 0-0 la gara tra Legnano e Foggia. Per i rossoneri si tratta di un pari che non cambia nulla dal punto di vista della classifica: i Satanelli restano il collante della graduatoria tra la parte alta e la parte bassa, trovandosi a sei punti dalla zona playoff e a sei punti dalla zona playout.
PRIMO TEMPO
Le due squadre si presentano in campo secondo il più classico degli schemi (4-4-2, ndr). La prima azione del match è di marca lilla: al 5´ Maggioni cerca la porta da fuori area, ma manca il bersaglio. Passano altri cinque primi e il Foggia si affaccia per la prima volta dalle parti di Grillo: è il francese Mounard a scaldare le mani dell´estremo difensore lombardo, costretto a bloccare la sfera rovente in due tempi.
Due minuti dopo il Foggia si vede annullare una rete dal direttore di gara: Delli Carri, di testa, serve l´accorrente Mounard che deposita in rete. L´arbitro annulla per un presunto fallo di Delli Carri che avrebbe ´viziato´ l´azione.
I ritmi in campo calano sempre di più: al 28´ Mounard ci prova (assist di Del Core), ma con poca fortuna.
Il finale di tempo regala qualche brivido: prima Mora ci prova con una bordata dalla distanza su cui Grillo si supera, poi è Del Core a mancare il vantaggio facendosi respingere la sfera dal sempre attento Grillo.
SECONDO TEMPO
Si ricomincia a ritmi come sempre blandi.
Al 5´ Taldo cerca la rete di testa, ma la sfera carambola a lato di non molto. Al 12´ è bravo Agazzi ad allontanare ogni insidia con un bell´intervento su un pericoloso tirocross di Bosio.
Ma l´occasione più nitida del match è di marca rossonera e giunge al 31´: calcio d´angolo per i rossoneri, Mora va alla battuta, la palla viene deviata di testa da Ignoffo e Del Core, finendo, poi, per giungere sulla traiettoria dell´accorrente Colombaretti che colpisce la palla con la fronte, la palla assume una traiettoria simil pallonetto, ma, prima che potesse superare la line di porta e infilarsi sotto la traversa, la prodigiosa mano destra di Grillo la agguanta.
Al 37´ ci prova Del Core, ma il portiere lilla è ben posizionato e neutralizza la conclusione del numero nove rossonero senza patemi d´animo.
La gara procede inesorabilmente verso il novantesimo, senza che le due squadre diano un concreto segno di vita e, dopo, 5´ di recupero, l´arbitro pone fine alle ´ostilità´.
EPILOGO
Il Foggia ottiene il secondo pareggio consecutivo in trasferta in una gara che avrebbe potuto vincere se solo ci avesse creduto di più e se solo fosse stato più incisivo in fase offensiva. Tra sette giorni allo Zaccheria arriva la capolista Sassuolo, in un match che si prevede infuocato: se il Foggia scenderà in campo determinato ad ottenere la vittoria potrà fare uno sgambetto alla prima della classe e accorciare sulla zona playoff.