L’avversario di turno: tutto sulla Juve Stabia

0
196 views
I calciatori della Juve Stabia esultano dopo un gol (foto: Pagina Facebook Ufficiale S.S. Juve Stabia)

La Juve Stabia è 9^ in classifica con 22 punti (5 in meno del Foggia), ma ha da recuperare la partita con la Casertana (della 17^ giornata, ultima del 2020), rinviata a causa del Covid.

A dicembre i gialloblù sono scesi in campo solo 2 volte (complice anche il turno di riposo): prima hanno battuto il Potenza (2-0 in casa), poi hanno pareggiato a Catanzaro (2-2), allungando in tal modo la striscia positiva che dura ormai da 5 partite (nelle quali hanno messo insieme 9 punti, frutto di 2 vittorie e 3 pareggi).
In precedenza (fine ottobre-inizio di novembre) i campani avevano attraversato un “periodo-no” con 3 sconfitte (con Teramo, Bari e Palermo, quest’ultima in casa) inframmezzate solo dalla vittoria col Bisceglie.
Anche l’avvio di torneo non era stato soddisfacente: solo 10 punti nelle prime 6 partite (2 delle quali terminate con la sconfitta: in casa, all’esordio, con il Monopoli e a Catania).
In sintesi: finora la Juve Stabia ha collezionato  6 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte (l’ultima quasi due mesi fa).

In trasferta non ha lo stesso rendimento casalingo. Lontano dal “Menti” ha racimolato appena 6 punti: 1 vittoria (a Vibo) e 3 pareggi (con Avellino, Turris e Catanzaro).

Segna  con difficoltà (16 gol all’attivo: solo Monopoli, Casertana, Bisceglie, Paganese e Cavese hanno realizzato di meno), ma subisce poche reti (13 gol al passivo: meglio ha fatto solo la Ternana).

Le marcature fuori casa si contano sulle dita di una sola mano: appena 4 (di cui la metà nell’ultima trasferta, a Catanzaro).
E per risolvere il… mal di gol – vista anche la prolungata assenza di Cernigoi – è stato ingaggiato a fine novembre l’attaccante Francesco Ripa (per la serie: a volte ritornano), 36 anni, oltre 150 gol in carriera. Ma a Castellammare non escludono – ora che si è riaperto il mercato – l’arrivo di un’altra punta. 

La sensazione è che le prossime partite servano alla Juve Stabia (che dopo il Foggia, affronterà la capolista) per capire quale ruolo possa recitare sul palcoscenico del campionato nel girone di ritorno: comprimaria o protagonista (come vorrebbe il presidente Langella)?
Finora non è mai stata più in alto del sesto posto.
Le prime due (Ternana e Bari) sembrano – ormai – in fuga, ma il podio basso del torneo è a poche lunghezze (5). Per un club (come la Juve Stabia) appena retrocesso dalla serie B, il terzo posto è bersaglio a cui mirare (anche se sono in tanti a provare a centrarlo). 

Da agosto sulla panchina della Juve Stabia è seduto Pasquale Padalino (49 anni a luglio), foggiano doc, giocatore prima (90 presenze ed un gol, tra la fine degli anni ’80 e la prima metà degli anni ‘90), ed allenatore poi (in 3 stagioni – non consecutive – recentemente e con alterne fortune) della squadra rossonera.
Nell’ultimo campionato del Foggia in B (2018/19) si alternò – inutilmente (purtroppo) – con Grassadonia alla guida della squadra. Come andarono le cose, lo ricordano tutti.

Padalino fa giocare la Juve Stabia (età media della rosa: 26 anni) con il 4-3-3.
Ecco l’undici schierato inizialmente nell’ultima partita giocata dalle “vespe” (praticamente gli stessi titolari del turno precedente ad eccezione di Scaccabarozzi, entrato a Catanzaro a gara in corso): l’esperto Tomei (ex Teramo) fra i pali; Garattoni (23 anni, ex Crotone), il danese Troest (per la terza stagione in maglia gialloblù), Codromaz (ex Triestina) e capitan Allievi (da 4 anni a Castellammare) in difesa; Vallocchia (24 anni, in prestito dall’Olbia) , Berardocco (ex Südtirol) e Bovo (una lunga carriera che lo ha visto indossare anche le maglie di Venezia, Palermo, Salernitana, Bari e Pescara) a centrocampo; Fantacci (24 anni, in prestito dall’Empoli, 2 reti in questo torneo), Romero (ex Südtirol, 29 anni, 2 metri d’altezza, goleador della squadra con 4 centri) e Orlando (25 anni, in prestito dalla Salernitana, 2 gol finora) in avanti.

Foggia – Juve Stabia si giocherà per la 15 volta.
Nelle precedenti sfide vi sono state 9 vittorie del Foggia e una sola della Juve Stabia (stagione 2000/01), mentre 4 volte la gara è terminata in parità.

Il posticipo (si giocherà lunedì alle ore 21) sarà arbitrato dal signor Andrea Colombo di Como. La gara sarà trasmessa da Rai Sport