L’avversario di turno: tutto sulla Virtus Francavilla

0
159 views
I giocatori della Virtus Francavilla esultano dopo un gol (foto: Pagina Facebook Ufficiale Virtus Francavilla)

A Francavilla Fontana le cose – calcisticamente – non stanno andando come nella scorsa stagione (quando la Virtus si qualificò per i play off, sia pure uscendo dopo il primo turno).

Oggi la squadra biancazzurra è al 13° posto con 31 punti (come la Turris), più vicina alla “zona retrocessione” (la Vibonese, quartultima ha 4 punti in meno) che alla “zona promozione” (lontana 6 lunghezze).
Fin qui la Virtus ha vinto solo 7 partite (con Potenza, Avellino, Bisceglie e Turris in casa; Monopoli, Palermo e Vibonese in trasferta). Conta, poi, 10 pareggi e ben 12 sconfitte.
Il tutto frutto di 29 gol realizzati (solo 6 squadre hanno segnato di meno) e 38 subiti (solo 5 squadre hanno incassato di più).

Lo stadio Giovanni Paolo II (ristrutturato due anni fa, in erba sintetica) non è certo un fortino inespugnabile. In questa stagione hanno già vinto – nell’ordine – Bari, Catania, Casertana, Juve Stabia e Monopoli. E Vibonese, Catanzaro, Teramo, Paganese e Ternana sono uscite imbattute.

L’avvio di campionato dei brindisini è stato incerto (solo 2 vittorie nelle prime 13 partite).
Poi, a cavallo della sosta natalizia (tra gli inizi di dicembre e i primi di febbraio),  hanno attraversato il loro momento migliore (5 successi in 8 gare) che li ha proiettati in alto in classifica (dopo la 22^ giornata erano ottavi, in piena zona play off).
Ma nelle ultime 8 partite la squadra di Bruno Trocini (47 anni, calabrese, a Francavilla dal 2018) ha faticato non poco a far punti: nessun successo, solo 3 pareggi (con Paganese, Potenza e Ternana). E ben 5 sconfitte (per mano di Juve Stabia, Catania, Monopoli, Casertana e Catanzaro).
E’, così, scivolata indietro in classifica.

La Virtus, dunque, non vince da 40 giorni (dal 3 febbraio a Vibo: 1-2). L’ultimo successo interno è, invece, quello con la Turris (3-1), 10 partite fa.

A Catanzaro, domenica scorsa, è arrivata (per alcuni osservatori, immeritata) la terza sconfitta nelle ultime 4 gare. Ha deciso un tiro dal dischetto di Carlini. Per la Virtus s’è trattato del terzo rigore contro nelle ultime 3 partite (cosa che ha amareggiato il presidente Magrì).
Questo l’undici iniziale scelto da Trocini (modulo 3-5-2), praticamente lo stesso che aveva fermato la Ternana nella gara precedente: Costa (23 anni) tra i pali; linea difensiva composta da Pambianchi (33, rossonero nella stagione 2013/14) , Caporale (26) e Celli (24); sulla linea mediana Franco (29, sostituto dello squalificato Zenuni) con ai lati Castorani (22, 6 reti, goleador della squadra) e il camerunese Tchetchoua (22); Giannotti (22, ammonito, salterà la sfida col Foggia) e capitan Nunzella (29) quinti di centrocampo; Ciccone (25, 2 gol) e Adorante (22, 1 gol) coppia d’attacco.
A gara in corso s’è rivisto in campo, dopo un mese di assenza,  l’attaccante argentino Vazquez (5 gol finora per lui). Potrebbe tornare titolare contro il Foggia.

Virtus Francavilla – Foggia si giocherà nei campionati professionistici per la seconda volta.
Nella stagione 2016/17, in Lega Pro, s’imposero i rossoneri con un gol di Sarno (0-1).
All’andata finì 1-1 (reti di Rocca e Castrorani).

Arbitrerà il signor Michele Del Rio (uno dei 9 figli dell’ex ministro Graziano Del Rio, 29 anni, al secondo anno in C.A.N. C, alla undicesima direzione stagionale) della sezione di Reggio Emilia.

Fischio d’inizio, domani (mercoledì) alle ore 15.