Lettera aperta a Zeman

0
19 views

Riceviamo e pubblichiamo dal nostro utente Antonio una mail di appello a Zdenek zeman, affinch� torni indietro sulla sua decisione.

Ci sono certi giorni nei quali ti alzi e speri che quello che � avvenuto il giorno prima sia stato solo e soltanto un brutto incubo.
Non so come sia potuto accadere, non so di chi pu� essere la colpa ma da due giorni il MAESTRO del calcio spettacolo, del calcio pulito, di quel calcio che non esiste pi� da tempo ha deciso di lasciare la guida tecnica della squadra della Sua citt�: Foggia.
Lui, che mi aveva fatto �innamorare� di questo sport 20 anni fa, lui che me ne ha fatto �reinnamorare� l�anno scorso, non insegner� pi� calcio nella sua citt�, perch� Foggia e tutta la provincia sono la sua citt�, sono quella parte d�Italia dove si sentir� sempre a casa.
Quella parte dメItalia che non sta vivendo un bellissimo periodo sotto tutti i punti di vista, ma che ogni domenica abbracciava la propria squadra del cuore, capeggiata da te MAESTRO, ed era felice, si divertiva sia che si vinceva, sia dopo una sconfitta.
La domenica non era un giorno della settimana, la settimana a Foggia aveva 6 giorni e la domenica faceva storia a se. Ed ora Maestro si torner� alla solita routine settimanale. Da luned� la settimana foggiana � tornata ad essere di 7 giorni.
Sono amareggiato, triste, e come molti altri vorrei capire i veri motivi di questo モdivorzioヤ.
Spero tantissimo che tu abbia avuto offerte importanti da squadre che militano in campionati pi� blasonati, in quei palcoscenici che ti spettano e che vedono �ballare� gente che di calcio capiscono poco o nulla e nel gioco del calcio vedono solo e soltanto un business e non quei valori che solo tu sai insegnare.
Hai detto che lasci la tua citt� solo per l�amore che ti lega a lei, perch� restando non potresti che peggiorare le cose: ma a noi non importa MAESTRO, noi la domenica volevamo vedere �suonare� la tua �orchestra��..Ora forse quest�orchestra suoner� in un�altra citt� (�te lo auguro) ma noi quella musica non la dimenticheremo mai, come non abbiamo dimenticato quella dei tre tenori degli anni �90 (SI-BA-RA).
Sono triste MAESTRO, tristezza che si ha soltanto quando ti lascia una persona amata, quando qualcuno che ti sta veramente a cuore se ne va, e soprattutto se va via senza un motivo preciso. Quando ho saputo la notizia ho trattenuto a stento le lacrime e ho iniziato a sperare che tu possa cambiare idea, ho iniziato a sperare che il giorno dopo mi sarei alzato e capito che quello che � avvenuto il girono prima sia stato solo un brutto incubo.
MESTRO, non posso vederti gettare la spugna cos�, sei ancora al primo round�.FORZA ZDENEK RIMETTI LE SCARPETTE E RITORNA A CALCARE I �PRATI VERDI� DELLA TUA CITTA�: FOGGIA!!!!!
Antonio