L´obiettivo del Foggia: Un campo tutto nuovo

0
21 views

Risolto il problema dello Zaccheria. Oggi si apre la seconda fase del precampionato a Savignano Irpino (Avellino)

FOGGIA – Schiarita sulla vicenda Zaccheria e novit� dal mercato per il Foggia, che oggi riprende la preparazione in Irpinia, a 11 giorni dall´esordio in campionato e a 72 ore dal debutto in Coppa Italia (sabato, ore 17) all´Aquila.

Sollievo – Dopo aver temuto un lungo esilio, causato dalle pessime condizioni del manto erboso dopo un concerto di Eros Ramazzotti e la sanzione di 2 gare a porte chiuse (per i disordini nel playout col Pescina), il club rossonero pu� tirare un sospiro di sollievo.
Infatti, a seguito di una serie di incontri e perizie, il Comune ha deciso di anticipare una spesa di circa 200 mila euro per procedere a una rizollatura completa e alla sistemazione dell´impianto idrico (anch´esso danneggiato), rivalendosi in seguito attraverso un´assicurazione stipulata con gli organizzatori del concerto.

Via un mese – In questo modo, a meno di complicazioni, il Foggia ricorrer� al campo neutro solo nelle prime due gare interne sia di Coppa (il 18 agosto col Giulianova a Vasto e forse anche l´8 settembre col Celano), sia di campionato (il 22 o il 29 agosto e il 5 oppure il 12 settembre).
�Per la quinta o sesta giornata esordiremo allo Zaccheria, comunque entro fine settembre � dice l´avvocato Mario Ciarambino, che ha seguito la vicenda per la societ� �. Il Comune ha accelerato al massimo i tempi del bando, coprendo subito le spese: una grande dimostrazione di sensibilit� verso il nostro club�.

Preso Caccetta – Oggi si apre la seconda fase del precampionato a Savignano Irpino (Avellino), sede del ritiro sino al 22 agosto.
La ripresa, fissata per oggi pomeriggio (ore 17), dovrebbe portare novit� dal mercato.
Si allener� subito col gruppo il laterale destro Christian Caccetta, 24 anni, pescato da Pavone al Nissa (serie D): mancano solo gli ultimi dettagli col giocatore, che costituir� un´alternativa a Candrina sulla destra difensiva.
Imminenti sorprese anche a centrocampo.

Fonte: Roberto Pellegrini – La Gazzetta dello Sport