Messina, ufficiale: risoluzione consensuale con il DS Argurio

Un brevissimo comunicato apparso sul sito ufficiale per dare l´addio a Christian Argurio, ormai ex ds del Messina, legato alla societ� giallorossa da un contratto interrotto consensualmente nella tarda mattinata di oggi. La nuova stagione dei biancoscudati, quindi, non vedr� nei quadri dirigenziali uno dei principali artefici della costruzione della squadra arrivata settima nel campionato appena terminato. Di seguito il comunicato:

“L� ACR Messina rende noto di aver risolto consensualmente il contratto in essere con il direttore sportivo Sig. Christian Argurio. La societ� ringrazia il Sig. Christian Argurio per l�impegno profuso ed il lavoro svolto durante la sua permanenza all�interno del club e gli augura le migliori soddisfazioni personali e professionali”.

Finisce dopo appena un anno, quindi, l�avventura in riva allo Stretto di Christian Argurio. Una stagione intensa e difficile iniziata il 1� settembre con la prima uscita ufficiale rappresentata da quell�amichevole di Mili contro il Citt� di Messina (quando vestivano il giallorosso elementi come Ungaro, Perfetto e Scalzone) e che si � evoluta alla grandissima fino al settimo posto finale in campionato. Sugli ingaggi di Gustavo, Martinelli, De Vito e, soprattutto, Tavares c�� impresso a doppia mandata il suo marchio. Argurio ha amalgamato il gruppo alla grandissima e, nei momenti pi� difficili, � stato bravo a proteggerlo dalle �incursioni esterne�.

Le dimissioni dello scorso febbraio, evidentemente, erano solo un�avvisaglia di quello che � andato in scena questa mattina con il dirigente ex Udinese e Akragas che ha �stracciato� un contratto e uno stipendio assicurato per i prossimi due anni. Gi� ieri al San Filippo era andato in scena un faccia a faccia tra societ� e giocatori che non faceva presagire nulla di buono e i confronti continueranno nei prossimi giorni: in assenza di una reale programmazione, vera e non solo sbandierata in tv o nei social network, anche quegli elementi che hanno gi� sottoscritto il rinnovo di contratto potrebbe chiedere a malincuore di cambiare aria.

fonte: messinanelpallone.it