Nember: �Grassadonia non � in discussione. Dobbiamo continuare a migliorare�

0
75 views

Ecco le parole di Nember nella conferenza stampa odierna:

�Non devo stare qui a controbattere i pensieri di quello che si dice. C�� un alone di negativit� nei confronti di questa squadra che � un po� ingiustificata. Abbiamo passato un periodo in cui nemmeno sapevamo se saremmo stati retrocessi in Serie C o avessimo disputato la Serie B. Stiamo costruendo cose importanti. Il Foggia sul campo sarebbe a tre punti dalla promozione diretta, se non fosse per la penalizzazione importante. Non bisogna sempre cercare qualcosa di negativo, poi � normale che con i se e con i ma si vincerebbero tutte. Io non posso pensare di essere fanalino di coda, anche se � vero che subiamo tanti gol. In questo momento ci sarebbe bisogno di un aiuto e sembra che qui siamo al macello quando in realt� non � cos�. Abbiamo speso meno dell�anno scorso per la squadra da un punto di vista contabile ed amministrativo e dobbiamo continuare a crescere e migliorare. C�� chi ha scritto che domani ci sar� un altro mister in tribuna a Cittadella, ma non � cos� e non � giusto che vengano messe in giro queste cattiverie.

Abbiamo detto e non ci nascondiamo che vogliamo arrivare tra due anni in Serie A. Dopo due mesi non si pu� mettere in discussione gi� da adesso. � normale che non possiamo retrocedere in Serie C, altrimenti in Serie A in due anni non ci arriviamo. Io penso che il Foggia sia una rosa molto buona e competitiva, ovvio che poi nel mio lavoro � bravo chi sbaglia meno. A me non interessa ad aver fatto bene o male il mercato, ma credo di aver fatto le scelte giuste. Ripeto che siamo a 3 punti dal secondo posto. Ci sono certamente delle problematiche che andranno risolte, ma da qui a distruggere tutto un progetto, mi sembra esagerato. Abbiamo sempre detto che giocheremo a 3 in attacco ed appena saremo pronti lo vedrete.

Greco ha deciso lui di non rimanere a Foggia, per motivi familiari e ci ha detto anche che vorrebbe tornare. Con Agazzi c�erano questioni per il riscatto che abbiamo valutato non idonee. Sono convinto anche io che ci mancano delle cose e non siamo ancora al massimo, siamo incazzati come voi perch� sappiamo che poi in discussione ci andiamo noi. I numeri sono numeri e non sono mai casuali, ma secondo me c�� un�eccessiva aggressione nei confronti della squadra. La propriet� mi ha chiesto di parlare. I tifosi pagano il biglietto e sono liberi di contestare. Non dobbiamo buttare tutto via.

Il pensiero dell�attacco a 3 � ovviamente condivisa con mister Grassadonia e sono presente a tutti gli allenamenti. La squadra � stata costruita per giocare in un certo modo, anche se con il 3-5-1-1 abbiamo fatto 13 punti sul campo.

Oggi sono qui proprio per parlare delle situazioni negative. Ho alzato i toni e l�asticella in passato (parlando dei play-off, ndr) non a caso. I giocatori sanno che possono arrivarci. Qui fino a due mesi fa c�era la baraonda. Il commissario � andato via poco fa. Credo che la societ� abbia dimostrato in passato fermezza e di credere nell�allenatore, e lo ha fatto anche in passato con Stroppa. Grassadonia non � in discussione. Penser� se fare cose a gennaio e so che ci sono cose in cui potrei migliorare. Per adesso continuiamo a lavorare e migliorarci con quello che abbiamo.

Noi prepariamo la partita per non subirla e giocarla ad oltranza. Non abbiamo le caratteristiche per subirla. Sappiamo che attraverso il nostro gioco siamo una squadra importante, dobbiamo tenere la palla bassa perch� quando la alziamo iniziamo ad andare in difficolt�. Dobbiamo migliorare ed essere sempre attenti. Dobbiamo essere bravi a gestire il momento e le situazioni di gioco.

I dati gps dicono che contro il Lecce abbiamo corso di pi� che nelle altre partite anche se forse abbiamo corso male. Negli ultimi 12 minuti siamo stati nella loro met� campo e se fossimo stati male fisicamente non credo che ci saremmo riusciti.

Ci alleniamo ad Amendola purtroppo e ci sono difficolt� per fare allenamenti a porte aperte, ma prometto che in futuro ne faremo.

Sappiamo di dover migliorare tanto, anche nella fase di realizzazione e costruzione di gioco.

La difesa a 3 non � un concetto fisso. Contro il Lecce abbiamo preso il 2-2 per una serie di cavolate una dietro l�altra. Per la prima volta abbiamo preso gol in ripartenza, solitamente l�abbiamo sempre presa a difesa schierata.

Grassadonia non voleva far passare lメidea che il Cosenza fosse una piccola squadra e che fosse uno scontro salvezza. I giocatori sanno leggere le classifiche. Ma tra me e Grassadonia non ci sono discordanze sullメobiettivo.

In questo momento non si pu� dire che i calciatori non stiano sudando la maglia. La prestazione di Cosenza non � piaciuta nemmeno a noi e miglioreremo. Io ne avrei cambiati 11 a Cosenza, perch� non mi � piaciuto nessuno. Anche l� siamo stati costretti a fare sostituzioni forzate purtroppo e sono cambiate alcune situazioni.

Io non penso di essere sulla difensiva e che la mia arrabbiatura dipenda dal fatto che si possa fare di pi�. Stiamo provando alcune situazioni che potranno darci benefici importanti ed il salto di qualit�. C�� sempre autocritica perch� certe cose non piacciono ma non posso dirle, ma non � cos� drammatica. Il messaggio che voglio dare oggi � che se fossimo a 13 punti e non ultimi in classifica, sarebbe diverso. Lo ripeto, anche con il -8 vorremo arrivare ai play-off.

A me viene da ridere quando qualcuno parla di uno scollamento dello spogliatoio. Marted� ho cenato insieme con squadra ed allenatore. Il malcotento di quanto non si gioca � una cosa, ma lo scoramento � un altro. A fine allenamento non vanno via tutti, ma rimangono.

Credo che vedremo tutti a breve, anche chi � stato poco bene. Ranieri ha fatto bene, cos� come Boldor quando � entrato. Chi si fa trovare pronto quando entra in campo, vuol dire che ha lavorato bene durante la settimana.

Mazzeo sta facendo il lavoro che il mister gli chiede. Dobbiamo cercare di migliorare portando valore. Oggi la squadra deve lavorare per fare bene tutti. A breve tempo passeremo a 3 e magari c�� una spiegazione anche in questo. Non c�� un problema di gol perch� comunque segniamo. In campo si gioca in 11 e bisogna sempre tenere corta la coperta. Il passaggio a 3 potrebbe avvenire anche con Gori e senza aspettare Iemmello.

Ci aspettiamo risposte in tutte le prossime partite e poi avremo due settimane di stop forzato. Dobbiamo chiudere in maniera positiva prima della sosta per poter lavorare anche diversamente fino al 25 novembre, perch� staremo 22 giorni fermi. Ci aspettiamo una crescita perch� il percorso deve continuare alla svelta�.