Salernitana-Venezia 3-2: rimonta sfiorata dai lagunari

0
38 views

Terminata la sosta natalizia riprende il campionato di serie B con la Salernitana chiamata al riscatto contro il Venezia dopo due sconfitte consecutive che l�hanno fatta scendere nella parte centrale della classifica. Colantuono si affida ad uno spregiudicato 3-4-1-2 ma diverse sono le sorprese nella scelta degli uomini. Fuori a sorpresa Bernardini, convocato ma in tribuna, al suo posto Popescu a far compagnia a Schiavi e Mantovani. A centrocampo Zito supera il ballottaggio con Alex e si posiziona sul versante sinistro con Pucino sulla parte opposta. Centrocampo muscoli e geometria con Ricci ed Odjer, in attacco Sprocati leggermente dietro la coppia Palombi-Rossi. Venezia con un pi� accorto 3-5-2. Inzaghi preferisce non scoprirsi e manda in panchina il neo acquisto Firenze prelevato in prestito qualche giorno fa dalla Pro Vercelli. Attacco a due con Zigoni e Marsura, soltanto panchina per l�ex tanto amato Soligo.

Venezia parte subito con il piede giusto cercando di impadronirsi del centrocampo in virt� della superiorit� numerica ma alla prima vera occasione la Salernitana passa. Cross dalla destra di Pucino, stacco imperioso di Rossi che costringe Audero al miracolo, sulla respinta si fionda Zito che in tap-in sigla l�1-0. Tuttavia, il match non decolla, il Venezia tiene costantemente il pallino del gioco a centrocampo ma � sterile in attacco dove appare evidente la mancanza di una punta di peso, mentre la Salernitana preferisce giocare sugli errori degli avversari, difesa attenta e ripartenze. Cos� come al 30eimo con uno scatenato Pucino che serve un assist basso per Ricci che spiazza l�estremo difensore ospite complice anche una deviazione di un avversario. Venezia stordito, granata sfiorano addirittura il tris con un contropiede di Palombi fermato pochi attimi prima di andare al tiro solo dinanzi ad Audero. Terzo gol che arriva sull�azione seguente con Palmbi che sfrutta appieno una palla al bacio offertagli da Sprocati per trafiggere ancora una volta il portiere avversario.

Pronti via ed il Venezia trova subito la rete con il neo entrato Firenze che d sottomisura supera Adamonis sfruttando un assist proveniente da calcio d�angolo. Nell�azione si infortuna Pinato che � costretto ad uscire, al suo posto Suciu. Salernitana in bambola, la squadra lagunare realizza dopo un minuto la seconda rete con un tiro dalla distanza di Bentivoglio su cui Adamonis appare nettamente in ritardo. Partita riaperta, Venezia in fiducia che sfiora il pari con Marsura che costringe il portiere lituano al disimpegno in terra mentre la Salernitana appare scollata tra i reparti complice anche la mossa tattica di Inzaghi di passare dal 3-5-2 al 3-4-3. La grande per il pareggio capita all�83� con Zigoni che tutto solo in area di rigore calcia a giro a colpo sicuro, Adamonis � strepitoso e respinge in angolo. Sei minuti di recupero, Venezia in forcing, la Salernitana stringe i denti e porta a casa un successo prezioso ma conseguito con tanta, troppo fatica.

SALERNITANA-VENEZIA 3-2

Reti: Zito 6ᄚ Ricci 30ᄚ, Palombi

SALERNITANA (3-4-1-2): Adamonis; Mantovani, Schiavi, Popescu ( Tuia 85ᄚ); Pucino, Odjer, Ricci, Zito; Sprocati; Palombi (Signorelli 55ᄚ), Rossi ( Bocalon 71ᄚ). A disp.: Russo, Tuia, Kiyine, Signorelli, Alex, Di Roberto, Bocalon, Rodriguez. All.: Colantuono.

VENEZIA (3-5-2): Audero; Andelkovic, Modolo (Firenze 46ᄚ), Domizzi; Zampano, Bentivoglio, Fabiano ( Geijo 76ᄚ), Pinato (Suciu 51ᄚ), Garofalo; Zigoni, Marsura. A disp.: Gori, Vicario, Geijo, Mlakar, Cernuto, Del Grosso, Bruscagin, Stulac, Soligo, Firenze, Suciu. All.: Inzaghi.

Arbitro: Baroni di Firenze.

Ammoniti: Sprocati, Geijo, Odjer

Espulsi: Bentivoglio, Ricci

spettatori: 7227

salernogranata.it