Sapienza analizza il momento rossonero

0
38 views

Dieci punti nelle ultime dieci partite è ciò che hanno realizzato i rossoneri nelle ultime uscite di campionato. Vale a dire un terzo dei punti in palio, conquistati per di più a discapito di squadre di medio-bassa classifica come Paterno´, Martina, Chieti e Fermana. E´ sicuramente un Foggia che va in controtendenza rispetto a quello della scorsa stagione, allora capace di collezionare dieci risultati utili consecutivi e di far sognare i propri tifosi ad occhi aperti. Quest´ultimi oggi, a loro volta, sempre in attesa di schiarite di carattere societario, mettono sotto accusa il pacchetto difensivo rossonero individuando in esso il “male” della squadra. Proviamo ad analizzare il momento dei satanelli proprio con uno dei difensori a disposizione di Pasquale Marino, alla sua prima stagione in maglia rossonera: Sebastiano Sapienza. “Nelle ultime gare, non tutto gira a nostro favore, paghiamo a caro prezzo ogni errore che commettiamo, errori non del singolo elemento ma del gruppo – dichiara il n° 2 del Foggia – credo però che, sul piano del gioco non ci sia nulla da recriminare, domenica contro la Sambenedettese, malgrado la sconfitta caratterizzata da un episodio, abbiamo disputato una buona gara divertendoci a giocare la palla. Ma purtroppo il gioco non sempre è sinonimo di risultato!” Un Foggia quindi che nonostante il mercato di riparazione stenta a riprendere la marcia anche se è ancora difficile capire se i nuovi “acquisti” siano riusciti a rendere la squadra più competitiva. “Credo che la campagna trasferimenti non abbia influito sull´andamento della squadra – riprende l´ex difensore del Paternò – se il Foggia non avesse effettuato alcuna operazione di mercato, a mio avviso, in questo momento avrebbe avuto gli stessi punti in classifica. Sicuramente ciò che invece ci ha penalizzati finora, sono state le numerose e ripetute assenze per infortunio, come è successo ad esempio domenica che abbiamo dovuto fare a meno di Catalano, Silvestri ed Ennyinaya, elementi fondamentali per la squadra”. Domenica prossima invece, i satanelli saranno ospiti della neocapolista (al pari dell´Acireale) Viterbese, che renderà vita difficile agli uomini di Marino per consolidare il primato in classifica. ” Certamente è una partita delicata quella di Viterbo – conclude Sapienza – ma noi ci batteremo nello stesso modo che abbiamo fatto a Catanzaro, cercando di imporre il nostro gioco e con l´auspicio che stavolta il risultato premi il nostro impegno. Purtroppo domenica perdendo con la Sambenedettese è sfumata l´idea di agganciare la zona playoff, pertanto dobbiamo cercare assolutamrnte di fare punti che, a questo punto della stagione diventano davvero fondamentali, per salvaguardarci dalla zona retrocessione.”