Situazione societaria: i quesiti della Curva Nord

0
832 views

Attraverso un lungo post su Facebook, la Curva Nord “Franco Mancini” ha reso noti quesiti e perplessità circa la vicende societarie. Il tutto con l’esposizione di due strisioni.

Riportiamo di seguito:

“Molti si staranno chiedendo dove sia finita la curva nord e quale posizione abbia assunto in merito alle vicende riguardanti il calcio Foggia. Sebbene la poesia di Leopardi racconti altro, la scienza ha dimostrato che prima dell’arrivo di una tempesta c’è sempre senza dubbio un clima di estrema calma, di silenzio, tutto si ferma, la natura tace per poi scatenare la furia.

Inutile sottolineare il disgusto nel risentire costantemente le stesse storielle, ormai ne siamo esausti. Piuttosto vorremmo rivolgere a tutti una provocazione: facciamo appello a giornali e giornalisti e a coloro i quali riempiono gli studi televisivi locali, a contattare, per conto nostro e di tutti coloro che hanno a cuore le sorti del Foggia, gli attori di questo poema allegorico Felleca, Pintus e Pelusi (giusto per farne i nomi) ed invitarli a rispondere pubblicamente ad alcune domande a cui vorremmo sottoporli.

Li invitiamo a farlo nell’interesse di un’intera collettività e per mettere finalmente a nudo colpe e mancanze di chi fino ad oggi ha abusato della nostra pazienza e soprattutto giocato con il nostro cuore.

Piccola premessa: se ci facciamo i fatti vostri e pretendiamo risposte è prima di tutto perchè ne abbiamo il diritto, in seconda battuta perchè avete sempre spostato la vostra discussione a livelli pubblici e mai privati, pertanto pretendiamo risposte. Starà a noi poi valutare chi di voi avrà avuto il coraggio di essere trasparente e leale con un’intera città!

Uno striscione di contestazione esposto dalla Curva Nord

1) Se la memoria non ci inganna, poco prima di ferragosto avevate dichiarato un aumento di capitale sociale suddiviso in più tranche, l’utlima delle quali sarebbe dovuta cadere a fine anno. Considerato che siete soliti puntualizzare ogni vostro esborso finalizzato al Calcio Foggia, ci chiediamo come mai questa volta, a differenza delle precedenti, non avete comunicato tramite l’ufficio stampa l’avvenuta sottoscrizione? L’aumento c’è stato oppure no? Tutti i soci hanno corrisposto o c’è qualche disertore? Non sarà mica stata rinviata la sottoscrizione? Se così fosse, a quale data è stata destinata? Ci chiediamo tutto ciò perchè sentiamo spesso parlare di buon senso, di chi vende e di chi compra, pertanto vorremmo capire se finora ci sia stato lo stesso “buon senso” a livello societario, fronte apporto soci.

2) Le scadenze previste per il passaggio quote ricadono come data ultima il 20 Febbario, mentre il 16 Febbraio bisognerà pagare gli emolumenti; ci sarà corresponsione da parte di tutti i soci al fine di adempiere agli obblighi imminenti? Qualora ci fossero difficoltà da parte di qualche socio nel versare la propria quota cosa dovremmo aspettarci? Punti di penalizzazione? I soci più “facoltosi” avranno il “buon senso” di corrispondere anche per gli inadempienti ed evitare di destabilizzare chi scende in campo?

3) Abbiamo ascoltato giorni fa il d.g. Corda e l’A.d. Pelusi, i quali manifestavano, a mezzo stampa, l’incapacità di operare sul mercato causa mancato beneplacito da parte del socio Pintus. Chiediamo agli stessi d.g. e a.d. se questo modus operandi è consuetudine dal luglio 2019 o fa parte di un nuovo asset societario. A quanto ci risulta non si è mai reso necessario alcun beneplacito, pertanto come già detto, considerate le scadenze del 20 febbraio per il passaggio quote, cosa impedisce chi ne ha le facoltà ad operare sul mercato e infoltire la rosa coi rinforzi attesi dal mister?
Pensar male è peccato ma spesso ci si azzecca!Non sarà mica una manovra per evitare di spendere?

3 bis) Notiamo invece che il mercato in uscita non necessita di alcun beneplacito. Come mai siamo attivi solo in uscita? È una questione prettamente tecnica o c’è anche un mero discorso economico? Se così fosse, sarebbe inspiegabile l’operato contro-tendente fatto fino ad ora, soprattutto alla luce dei lauti incentivi riconosciuti ad ex capitani di qualche decina di migliaia di euro, per intenderci!

Uno striscione di contestazione esposto dalla Curva Nord

4) Ultima considerazione: per fortuna o sfortuna (dipende dai punti di vista) non siamo Ultras ignoranti, abbiamo avvocati, ingegneri, medici e chi più ne ha ne metta.

Chiediamo pertanto al Sig. Felleca e alla Sig. Pintus di rendere pubblica l’offerta fatta dal gruppo “di Silvio”, non il preliminare. Sappiamo benissimo che non è possibile sottoscrivere alcun preliminare senza il consenso unanime dei soci, pertanto chiediamo che venga reso pubblico il suddetto preliminare ovvero il diritto di prelazione su di esso esercitato. Non dovrebbero esserci problemi considerato che poche settimane fa fu resa pubblica una pec inviata da altro pretendente!

P.S.: Sig. Felleca e sig. Pelusi, vox populi vox dei, vi invitiamo a smentire categoricamente, assumendovi le vostre responsabilità, qualche mala diceria che associa il di Silvio al Follieri. Sarebbe al quanto bizzarra la cosa!
Il Foggia è di chi lo ama, non di chi lo usa….”