TARANTO: Dionigi, “Un´espulsione ridicola ha rovinato la partita”

0
20 views

Al termine del match pareggiato al “Brianteo” di Monza, il tecnico del Taranto Davide Dionigi non � per niente soddisfatto e a chi gli chiede se trova che il risultato sia giusto risponde incisivamente: “No. Lo penso in tutta onest�. Abbiamo creato tanto e meritavamo la vittoria. In dieci contro undici il Monza ha giocato solo sulle ripartenze e le occasioni nitide e clamorose le abbiamo avute noi”.

La partita dei rossobl� � stata condizionata dall´espulsione al 52´ di Sosa e nei minuti finali dello stesso allenatore: “E´ stata ridicola. Anzi entrambe lo sono state – attacca Dionigi. – La mia � avvenuta perch� su un cambio gioco su cui � stato segnalato un fuorigioco che non c´era ho alzato le mani dicendo ´No´. Purtroppo si vive di protagonismo e si pensa di fare carriera in questo modo, bench� non sia quello adatto. La prima � andata anche peggio: il fallo da ultimo uomo – e bisognerebbe spiegarlo bene a Pairetto! – non esiste pi�. La chiara occasione da gol non c´� visto che � a 50 metri dalla porta, ha dietro Coly ed � sul fallo laterale. Questo va a rovinare le partite. E´ giusto dirlo quando capita. Non mi invento nulla: � il regolamento”.

Si � notato un atteggiamento diverso dell´arbitro nella gestione dei cartellini: nel primo tempo non fischiava mai, mentre nel secondo � cambiato completamente. Dionigi a questo proposito aggiunge: “Io penso anche al brutto fallo da dietro di Biso su Alessandro: era da espulsione diretta. E´ stata una giornata storta per l´arbitro”.

Il problema per il Taranto, per�, � che non riesce proprio ad andare in gol (col Monza � gi� il secondo pareggio a reti bianche, dopo quello con la Pro Vercelli, ndr) e il tecnico degli jonici ammette: “Manca quell´attimo, ma manca anche un goleador. Ai ragazzi non posso dire niente: hanno fatto una grande partita giocando fuori casa, imponendo il nostro gioco e creando 6-7 palle gol. Io pi� di cos� non posso chiedere. Posso giusto chiedere il gol. Il campo oggi non era in grandi condizioni, ma con la manovra arriviamo facilmente in zona offensiva”.

Tornando alla direzione arbitrale, qualcuno fa notare a Dionigi che forse Pairetto ha giudicato eccessivo il pestone di Sosa su Tiboni, ma lui non � per niente d´accordo: “Allora se lo giudichiamo cos�, dovrebbe essere giudicato anche il fallo da dietro su Alessandro. Per questo parliamo di gravissimo errore. Questa squadra ha un´anima grande e quindi posso fare loro solo i complimenti, ma sono troppe partite che ci sono questi episodi. Ci mancano 3 o 4 rigori”.

Ma detto fuori dai denti, la squadra rossobl� ha pareggiato per questi episodi anomali o perch� non sa fare gol? “Anche perch� non riesce a fare gol – non lo nega Dionigi. – Non ricordo una squadra che crea cos� tanto. E´ il film di tante altre partite. Non riesco a trovare un difetto. Per�… E trovare il motivo � difficile perch� non posso neanche dire che gli attaccanti sono demotivati perch� sarebbe dire che giocano male ma non giocano male. Ci manca quella caratteristica. Esistono i bomber per questo”.

I complimenti devono essere fatti anche alla prestazione di Coly: “S�, noi purtroppo siamo la miglior difesa d´Europa ma facciamo pochi gol. E´ un merito, ma nel calcio se non la butti dentro le partite non le vinci – continua il tecnico. – Ma non voglio mettere la croce addosso ai miei giocatori. Da allenatore so che ho raggranellato 52 punti, ma so anche che gli attuali tre punti di penalizzazione diventeranno forse sette. Vorrei levarmeli vincendo le partite. Io comunque sono convinto che ottenere il secondo o il terzo posto non cambia nulla. Se dovessimo fare i play-off sarei comunque convinto della forza della mia squadra”.

In chiusura un commento sulla prestazione degli avversari: “Sicuramente ci hanno messo orgoglio e grinta. Non ho niente da dire su questo. Forse in dieci contro undici avrebbero dovuto osare di pi�. Mi aspettavo qualcosa in pi�, invece si sono disposti a cinque dietro”.

fonte: tuttolegapro