Un Foggia vulcanico ne rifila cinque agli etnei: rossoneri a valanga sul Catania allo Zac.

0
280 views
Merola esulta dopo il gol (foto: Antonello Forcelli)

Abbuffata di gol e terzo successo consecutivo per la formazione di Zeman. Rossoneri che partono subito forte, e sbloccano il punteggio dopo appena venti secondi dal fischio d’inizio con Merola su colpo di testa. Passa un quarto d’ora e Alessio Curcio centra il raddoppio con un bolide mancino dai trenta metri. Al 25′, poi, è Alexis Ferrante a trovare la via della rete, con una punizione che finisce all’incrocio dei pali, partita direttamente da casa sua.

Ancora un calcio piazzato regala il poker al Foggia. Questa volta sul punto di battuta si presenta Peterman, che pennella una traiettoria imprendibile per l’estremo difensore avversario. A due minuti dal termine del primo tempo è ancora Merola di testa, che ormai ci ha preso gusto, a mettere a segno il quinto gol del funambolico pomeriggio rossonero. Di facciata la rete di Greco, arrivata ad un quarto d’ora dal termine della partita, che non rende meno amara la debacle catanese.

“Sono contento per i gol. È stata una bellissima partita”, ha detto Merola al termine della gara. “Andare in vantaggio dopo pochi secondi ci ha permesso di iniziare in modo diverso, e questo ha favorito una prestazione positiva. Spero di continuare così la stagione, e di finirla nel miglior modo possibile. Dedico il gol a mia nonna che sta poco bene, alla mia famiglia e alla mia ragazza. Le cose che accadono fuori non ci toccano. Noi ascoltiamo il mister e continuiamo ad allenarci ogni giorno. Siamo un gruppo compatto”.