Venezia: otto gol nell´amichevole ma è emergenza difesa

0
18 views

Cambiano gli acciaccati ma non la sostanza per un Venezia che, anche dopodomani contro il Foggia, dovrà fronteggiare una situazione di emergenza in difesa.
Dalla partitella del giovedì con la Berretti si attendevano alcune indicazioni confortanti circa il recupero di Oscar Brevi e Teso ma, al contrario, per entrambi pare avvicinarsi il forfait. Il primo, infatti, non ha preso parte alla sgambata limitandosi a correre in disparte senza forzare: evidente la volontà di far sì che Brevi smaltisca con calma il problema muscolare all´adduttore. Discorso analogo per Teso che, a differenza del compagno, non è nemmeno uscito dagli spogliatoi per sottoporsi alle terapie prescritte per la distorsione all´alluce patita nel vittorioso derby di Verona.
Di conseguenza contro la sua ex squadra, il Foggia appunto, (domenica alle ore 15 al Penzo) il tecnico Fulvio D´Adderio dovrà ridisegnare per l´ennesima volta il quartetto arretrato da collocare davanti al portiere Aprea. Gli inamovibili paiono Scantamburlo come terzino e Mei al centro più, naturalmente, Pesoli per il quale tuttavia è ancora da determinare l´impiego in coppia con Mei oppure sulla fascia destra già orfana di Pedrelli e Grighini. In quest´ultimo caso, al centro tornerebbe Mandorlini al rientro dopo l´infortunio muscolare che lo ha messo ko nella prima giornata al termine della sconfitta interna con la Cremonese: l´ex perugino, che ieri D´Adderio ha tenuto in campo sia nel primo che nel secondo tempo, non è però al top della condizione e quindi è più probabile sieda inizialmente in panchina. Il chè comporterebbe la conferma di Pesoli come riferimento difensivo centrale e, quindi, l´adattamento a destra del mancino Teoldi, soluzione già sperimentata con risultati confortanti nella ripresa nel derby del Bentegodi.
Per il resto si và verso una conferma in blocco del centrocampo (Collauto e Romondini esterni, Ezio Brevi e Mattielig in regia) con Veronese e Gennari in attacco: per la cronaca và tuttavia segnalato che ieri contro la Berretti ad agire in tandem con Veronese non è stato Gennari ma Antenucci. L´ex catanese è rimasto a secco mentre Veronese ha servito due assist vincenti a Rebecca e Romondini per il 2-0 della prima frazione. Nella seconda Gennari ha siglato una tripletta, Zerbini una doppietta mentre la rete di Scantamburlo ha sancito il finale di 8-0.
Fonte: Il Gazzettino
Fonte foto: La Nuova di Venezia e Mestre