A Giugliano una gara delicata. Il Foggia ci riprova…

Torna in campo il Foggia che questa sera sarà di scena al “De Cristofaro” di Giugliano, fischio d’inizio ore 20,45, per affrontare la formazione di casa reduce da tre sconfitte consecutive in Campionato. Non se la passa sicuramente meglio il Foggia del duo Coletti-Vacca che, nelle ultime 10 gare, ha raccolto la miseria di 9 punti. Un cammino preoccupante che il popolo rossonero, assente sugli spalti questa sera per il noto divieto, si augura possa essere interrotto da un risultato positivo in terra campana. Tutti disponibili i rossoneri ai quali si è aggiunto Vincenzo Millico, ufficializzato il suo acquisto nella giornata di ieri, che sarà tra i convocati e potrebbe addirittura essere gettato nella mischia già nella trasferta di questa sera. Un match sicuramente delicato che giunge in un momento particolare della stagione con il mercato aperto e con calciatori che potrebbero avere le valigie pronte già nei prossimi giorni. Ma sarà una sfida delicata anche per Coletti e Vacca che sono chiamati a riscattare il brutto capitombolo interno con il Taranto di sabato scorso. Al cospetto della formazione di Bertotto il Foggia dovrebbe schierarsi con il 4-2-3-1 che è il sistema di gioco adottato dal tecnico canosino che potrebbe mandare in campo Nobile tra i pali, Garattoni o Salines esterno di destra, Carillo e Rizzo centrali con Vezzoni a spingere sulla sinistra. A centrocampo si giocano due maglie Frigerio, Martini e Marino con Di Noia, Schenetti e Millico dietro l’unica punta Tonin. In casa Giugliano Bertotto deve fare a meno dello squalificato Salvemini, mentre Giorgione e Sorrentino sono out per infortunio. Dovrebbero partire dalla panchina gli ultimi arrivati in casa gialloblù vale a dire Boccia, Diop e Baldè che non sarebbero ancora in condizioni fisiche ottimali. A dirigere il match tra Giugliano e Foggia è stato designato il Signor Giuseppe Mucera della Sezione Aia di Palermo. Un solo precedente con il Foggia datato 18 dicembre 2022 con i rossoneri corsari a Torre del Greco con il punteggio di due reti a una con i gol di Garattoni e Di Noia.