Agnelli: “Da foggiano io vedo questa squadra molto forte”

0
59 views

Conferenza stampa infrasettimanale per Cristian Agnelli, in vista dell�amichevole che il Foggia disputer� durante il weekend in cui c�� la sosta in campionato. Queste le sue dichiarazioni: “Siamo nati per soffrire, non me l�aspettavo la sconfitta ma sapevo che era difficile affrontare il Crotone, era una partita contro una squadra di serie A, sapevamo che mister Stroppa prepara molto bene le partite. In maniera molto serena abbiamo analizzato la sconfitta prendendo sia le cose positive ma anche gfli errori commessi. Personalmente reputo la sconfitta ingiusta per come avevamo preparato la partita e per come arrivata, con gol subiti a difesa schierata, frutto solo di piccolezze e che con un po� di attenzione e un pizzico di fortuna si potevano evitare. Sicuramente mister Grassadonia sapr� come fare per trovare soluzioni tattiche e quali giocatori mandare in campo per migliorare, Penso che tra la partita contro il Carpi e quella contro il Crotone sia cambiato solo il risultato, sono state preparate alla stessa maniera. Certamente nel Crotone la qualit� � diversa, ha dei giocatori che se li lasci soli ti puniscono, vedi Firenze e Nalini, � gente che fa la differenza.
Per quanto riguarda il campionato attendiamo la sentenza per capire se si manterr� la B a 19 squadre o se ci saranno differenze. Sicuramente con pi� squadre ci sono pi� partite da giocare e una possibilit� di fare pi� punti per colmare il gap della penalizzazione, ma a parte questo noi ci prepariamo al campionato sempre alal stessa maniera. La squadra, dal mio punto di vista, � forte, ma anche le altre squadre lo sono. Siamo ancora all�inizio ed � difficile dare dei giudizi sul torneo, dobbiamo ancora capire bene cosa possiamo fare e dove possiamo arrivare. Io sono felice di questa squadra, po� dare tanto in questa serie B, ma � anche ovvio che da questo a dire che vinciamo il campionato ce ne passa, ci vuole lavoro, partite, preparazione, formare un gruppo importante, saper gestire momenti difficili. Ma da foggiano io vedo questa squadra molto forte.
Il gruppo � fatto di ottimi giocatori ma per formare un gruppo ci vogliono tanti fattori, servono anche le sconfitte, a volte serve stare in panchina per capire alcune cose, o a volte serve giocare per sentire la responsabilit�. Il gruppo ha bisogno di credere nelle proprie certezze e capire che ognuno � indispensabile e deve essere a disposizione della squadra e dell�ambiente.
Il mio obiettivo? Solo quello di vincere con la squadra, l�obiettivo collettivo diventa di riflesso anche l�obiettivo di ciascuno di noi. Se mi focalizzassi su altri obiettivi rischierei di disperdere energie. Sono contento della competitivit� all�interno del gruppo perch� � un bene anche per me, dato che mi permette di alzare l�asticella dando sempre di pi�.
Dopo la sconfitta c�era subito voglia di tornare in campo a giocare, ma poi ci rendiamo conto che con la sosta possiamo recuperare pi� persone e quindi dare la possibilit� al mister di mettere sempre la migliore formazione possibile.
L�entusiasmo dei tifosi? Ne avevamo parlato gi� dall�estate, la gente � sempre pronta a sostenerci e si sente che � felice di questa squadra, se ne percepisce l�entusiasmo”.