Calabresi: “Se gioco contro l´Ascoli? Decide il mister, io sono a disposizione”

0
34 views

Ha finalmente esordito in rossonero nella roboante vittoria del Foggia allo Zini contro la Cremonese. Per Arturo Calabresi, protagonista della conferenza stampa infrasettimanale in vista della gara contro l´Ascoli, non poteva andare meglio di cos�. Queste le sue parole: “Ottimo esordio, � stato un pomeriggio perfetto, non era semplice perch� giocavamo comunque contro una squadra che ha fatto 41 punti. Siamo riusciti ad affrontarli bene e a metterli in difficolt�, e io personalmente sono contento della mia buona prestazione. La Cremonese � una squadra che sta attraversando un periodo difficile ma anche noi siamo stati bravi a sfruttare bene i loro punti deboli. Per me � stata comunque una partita impegnativa perch� loro in attacco avevano gente come Scappini e Gomez che sono attaccanti forti, tendevano subito a verticalizzare e siamo stati bravi noi a non concedergli molto. Con Scappini � stato un bel duello, sono andato in campo sereno e tranquillo, consapevole del mio valore. Questo � stato per me un anno particolare, ma non ho mai perso la consapevolezza nei miei mezzi e mi sono fatto trovare pronto quando c´� stato bisogno. Spero di poter continuare a dare il mio contributo, anche se non mi aspetto nulla, sarebbe un errore aspettarsi qualcosa. Le scelte le fa il mister e io devo solo mettermi a disposizione. Avevo gi� giocato con la difesa a tre nella scorsa stagione a Brescia in cui abbiamo raggiunto la salvezza con mister Cagni, e mi sono trovato bene. Ma avevo giocato in passato anche con la difesa a quattro, e in pi� avevo anche fatto l´esterno qualche volta. Per fortuna sono un giocatore molto duttile sotto questo punto di vista, forse perch� a inizio carriera ho fatto anche il centrocampista, e infatti non mi dispiacerebbe fare anche il ´regista di difesa´.
Se temiamo la penalizzazione? In realt� non ne abbiamo parlato con i compagni di squadra, noi pensiamo solo al campo perch� le questioni esterne non ci interessano. Ora bisogna solo dare continuit� ai risultati e pensare alla partita di venerd�. L´Ascoli � una squadra in salute con un allenatore carismatico, esperto e preparato, ma noi abbiamo dalla nostra parte il fattore campo con il nostro pubblico che ci sostiene e ci aiuta, perci� possiamo colpirli e fargli male. Non sar� comunque una partita facile e dovremo mettercela tutta perch� il nostro unico obiettivo adesso � la salvezza. Dal punto di vista personale ho come obiettivo quello di poter raggiungere una certa continuit�. Qui sono in prestito e non so cosa succeder� a fine stagione perch� ci sono anche delle questioni che non dipendono soltanto da me. Bisogna vedere cosa vuol fare il Foggia e anche cosa vuole fare la Roma.
L´ambientamento? Fin dai primi giorni mi sono sentito a casa. Mi ha colpito molto il calore dei tifosi, ci danno una spinta impressionante, lo avevo gi� percepito dalla panchina, ma a Cremona l´ho vissuto dal campo”.
Infine, due parole su Astori, che Calabresi ha conosciuto quando era nelle giovanili della Roma: “Ho avuto il privilegio di aver potuto giocare con lui, di conoscerlo, di condividere esperienze insieme. Aveva sempre una parola, un consiglio, una pacca sulla spalla, trasmetteva tranquillit�, era una persona speciale. Di lui ho tanti ricordi belli, sia come calciatore che come uomo, e li porter� sempre con me”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui