Chiacchio: “I campionati si concluderanno regolarmente”

0
22 views

Il calcio di nuovo nella bufera. Lo sport pi� amato dagli italiani torna indietro di circa 30 anni, quando esplose il pi� grande scandalo di tutti i tempi legato alle scommesse. All�epoca, nel 1980, i nomi di grandissimi calciatori furono coinvolti in gravissimi episodi di partite truccate per il mondo (allora clandestino) delle scommesse sportive. Fu definito giornalisticamente �totonero� e fece fioccare squalifiche pesantissime per molti atleti (pi� di 20), anche famosi come Paolo Rossi, Manfredonia, Giordano, Albertosi e Savoldi. Pesantissimo fu pure il bilancio per le societ� compromesse; Milan e Lazio furono addirittura retrocesse in serie B.
Il secondo scandalo scoppi� il 1 giugno del 2004, il primo da quando le scommesse sono legalizzate in Italia. In questo caso, le sentenze, ufficializzate il 25 agosto 2004, furono piuttosto miti e non stravolsero i campionati coinvolti. Pene pesanti per qualche tesserato, multe a societ� come Sampdoria e Siena, e punti di penalizzazione al Modena, che resta comunque in serie B.
Per il nuovo scandalo esploso due giorni fa c�� da attendersi pene esemplari, perch� il mondo delle scommesse sta fortemente condizionando il mondo del pallone. La FIGC, attraverso la Procura federale, ha aperto un fascicolo facendo partire le indagini necessarie a chiarire il coinvolgimento dei tesserati e delle societ�. Per quanto riguarda le vicende a noi pi� vicine, il girone B della Lega Pro vede implicata la societ� Benevento, a causa del suo portiere Paoloni, la Nocerina e, in qualche modo il Taranto. Le partite incriminate sono: Benevento-Viareggio 2-2 del 13 febbraio 2011, Benevento-Cosenza 3-1 del 28 febbraio 2011, Taranto-Benevento 3-1 del 13 marzo 2011, Benevento-Pisa 1-0 del 21 marzo 2011 e Taranto-Nocerina 2-1 del 27 marzo 2011.
Sull�argomento abbiamo ascoltato uno degli avvocati pi� noti e preparati in fatto di giustizia sportiva, Edoardo Chiacchio. �Ci aspetta sicuramente un�altra estate caldissima, � esordisce il legale campano � cos� come capit� nel 2004. In quella occasione difesi sei posizioni, ma in tutti gli altri procedimenti ho partecipato per difendere dei tesserati. Su questo nuovo scandalo non ho ancora raccolto notizie, per� ho avuto subito l�impressione che questa volta ci sia dietro una migliore organizzazione criminale che ha agito. Purtroppo non � il primo e non sar� l�ultimo del suo genere, perch� la malattia delle scommesse colpisce anche personaggi del mondo del calcio”. Il Foggia ed altre societ� chiedono la sospensione dei play off e play out. �Non credo che questo possa verificarsi. Secondo me l�iter sar� lo stesso degli altri campionati incriminati, tutti conclusi regolarmente. In passato non si � mai sospeso nessun campionato. Al termine delle indagini, con tutti i suoi passaggi, ci saranno le sentenze con le eventuali riammissioni, per le squadre retrocesse e le eventuali ammissioni al campionato superiore, per le societ� che godranno degli esiti favorevoli dell�inchiesta. Ovviamente rischiano le societ� coinvolte per responsabilit� oggettiva”. I tempi previsti? �Se si applica la �procedura d�urgenza� i tempi non saranno lunghi. E� stata applicata poco tempo fa nei confronti del Ravenna e tutto si � concluso nel giro di un mese. Il presidente Abete, comunque, si � subito attivato per garantire l�inizio regolare della prossima stagione 2011/12″.

Fonte: Lello Scarano – Il Mattino di Foggia