Cicerelli: “Segnare allo Zaccheria, emozione indescrivibile”

0
63 views

Esordio con gol nella sua terra, con la maglia della sua squadra del cuore. Di pi� non poteva sperare Emanuele Cicerelli, che domenica scorsa ha bagnato la sua prima allo Zaccheria segnando la quarta rete nella gara contro il Carpi. Una grande gioia per il centrocampista rossonero che racconta le sue impressioni in conferenza stampa: “Quella col Carpi � stata la classica serata perfetta, non potevo aspettarmi di meglio, visto che � arrivata prima di tutto la vittoria e poi il gol, che rappresenta la cilieginia sulla torta. Fa piacere aver segnato all´esordio con questa maglia. Grande merito va alla squadra per aver recuperato palla, e poi � stato bravissimo Carraro a fare quella giocata in mezzo a due avversari. Quando mi � arrivata palla avevo gi� pensato di rientrare e calciare perch� Kragl, col suo movimento, mi stava portando via l´altro avversario, ed � andata bene. C´era la mia ragazza, Valentina, che mi guardava da casa perch� si � trasferita solo ieri a Foggia, e il gesto del cuore era ovviamente dedicato a lei. Il boato dello Zaccheria? Non so spiegare a parole la sensazione che ho provato, questo stadio ti d� un´emozione veramente forte.
Conta sicuramente l´aver gi� conosciuto i concetti del mister perch� lui fa stare i calciatori in campo in una maniera tutta particolare, ma io sono arrivato qui con la squadra che aveva gi� un´idea precisa di cosa volesse il mister quindi � stato facile inserirmi. Foggia-Carpi ha dato buone indicazioni, ottima partita, soprattutto era importante non sbagliare l´approccio alla gara e devo dire che siamo stati bravi. Prendiamo atto degli errori commessi, e sono stati tanti, alcuni pi� evidenti che ci hanno fatto subire gol, e ripartiremo da quelli per migliorare.
Partivo da mezz´ala inizialmente per non dare un punto di riferimento alla difesa avversaria e mettere in difficolt� tra le linee, ma gran merito va alla squadra perch� quandio ci si muove in un certo modo come vuole il mister � importante che tutti pensino con la stessa testa cos� diventa pi� facile. La mia duttilit�? Fa piacere che il mister abbia questo pensiero su di me, io con lui ho ricoperto pi� ruoli, poi quando rientreranno tutti non ci sar� problema perch� rientrano giocatori importanti con cui ci sar� competitivit� in allenamento, e questo ci porter� a fare sempre meglio, sar� uno stimolo in pi�, una cosa positiva per il gruppo.
Spero che questo possa essere l´anno della mia consacrazione, ma sono consapevole che ci aspetta un campionato imprevedibile e difficilissimo per via della penalizzazione, dobbiamo focalizzare l´attenzione su questo. Sappiamo bene che dobbiamo pensare partita dopo partita, ogni gara � una battaglia. Se abbiamo sentito la pressione dovuta alla penalizzazione? Sinceramente poco, sappiamo che dobbiamo andare in campo per un obiettivo, sappiamo che abbiamo la penalizzazione e pensiamo a fare punti ma non per ridurla, bens� per la nostra classifica in generale. Pensiamo ad arrivare al risultato, pensiamo solo a quello, poi il resto non deve interessarci. L´ultimo gol che feci con la Berretti? Me lo ricordo, giocavamo a Ordona, poi mi sono allenato con la prima squadra e c´era mister Stringara. Poi sono andato a Barletta ed � iniziata la mia carriera, il cerchio si � chiuso con il ritorno a Foggia. E´ stata una bella emozione ritrovare tante persone a cui sono affezionato, tornare a casa � sempre bello. Poi questo gol � stata una ulteriore emozione, speriamo di continuare cos�.
Siamo stati bravi, sapevamo di dover partire forte, e quando tutti ragionano con la stessa testa diventa tutto pi� facile. Abbiamo pensato poco alla penalizzazione e di pi� a fare la partita per portare a casa il risultato. Le prossime partite sono difficili, Crotone, Palermo e Benevento sono fortissime, ma noi dobbiamo essere sicuri di noi stessi e credere nei nostri mezzi. Lavoreremo per giocare le nostre partite con impegno, serenit� e cattiveria, cercando di dare il massimo. Il Crotone? Ha perso in malo modo a Cittadella e penso che avr� il dente avvelenato e voglia di riscatto, dovremo stare ancora di pi� sul pezzo per arrivare nel modo giusto alla partita, loro sono un´ottima squadra. Andremo l� per fare la nostra partita e dare il massimo.
Come ho ritrovato il mister? In realt� con lui ci siamo sempre sentiti, io vedevo le sue partite perch� mi piace il suo modo di giocare. L´ho trovato migliorato dopo il campionato di B, mentre sul lato umano ho ritrovato la stessa persona”.

foto: Antonello Forcelli