Cronaca di una giornata infinita

0
45 views

Sembrava non passare mai il tempo. Le lancette degli orologi scandivano il passare delle ore, ‘decisive’ per il futuro del Foggia. Intanto D’ Adduzio e Scirano attendevano con ansia l’ arrivo di Vitale. L’ assicuratore di Cerignola rimandava l’ appuntamento inizialmente fissato per le 9.30, poi per le 11.00 e così via…Il fatidico momento giungeva alle 19.45, ben 10 ore dopo, quando Vitale visibilmente preoccupato si presentava presso lo studio del notaio Caiola. Lo sguardo basso, una valigetta nella mano destra e i sussurri dei tifosi: “Probabilmente avrà portato i soldi, speriamo sia davvero la volta buona”. Erano circa un centinaio ad aspettare che qualcosa accadesse. L’ incontro tra i dirigenti si protrae per circa 3 ore: alle 22.30 il primo a varcare la soglia del portone è D’ Adduzio, seguiranno Scirano, Vitale e Patano. Quelli del 20% hanno mollato (abbiamo voluto evitare il fallimento – ci dice Roberto Scirano -), adesso il Foggia è tutto di Antonio Vitale. La decisione viene presa in tarda serata grazie ad un assegno avallato dall’ avv. Franco Patano che rassicura le famiglie Scirano e D’ Adduzio e chiude un importante capitolo di questa lunga storia. Ma non è finita, anzi adesso viene il bello. Nella giornata di oggi si proverà ad ottenere dal Tribunale una proroga di tre giorni per poi partire tra giovedì e venerdì alla volta di Roma dove il Foggia dovrebbe essere ceduto all’ Ing. Vacca e alla sua holding (che pare sia molto solida da un punto di vista economico-finanziario). Questo è quanto dovrebbe accadere, non ci chiedete se andrà così perchè quando si parla del Foggia…tutto è possibile. Ciò che è certa è l’ uscita di scena del gruppo del 20% a cui vanno riconosciuti gli sforzi umani ed economici sostenuti in favore del Foggia calcio. Adesso aspettiamo Vacca, sperando davvero non sia l’ ennesima bufala.