Deludente pari per il Foggia

0
22 views

Il pari interno non era certo l´obiettivo alla vigilia della gara col Sora. Eppure il Foggia non ce l´ha fatta a portare a casa l´intera posta, beffato da una prodezza dell´ex di turno Giovanni Costanzo(nella foto). Un Foggia dai due volti che ha disputato un buon primo tempo, ma apparso troppo remissivo nella ripresa. Inizia subito ad attaccare la truppa di Marino con Del Core che dopo cinque minuti imbecca Imbriani al centro dell´area, ma la conclusione dell´attaccante è debole ed imprecisa. Si fa vedere anche il Sora in avanti con Billio che con una botta dalla distanza tenta di sorprendere Rossi e con una mischia in area sulla quale l´estremo difensore appare un pò incerto. Al 28´ il Foggia si distende in contropiede e crea numerosi pericoli alla porta di Ripa ed intorno al 25´ sblocca la partita: lungo lancio di Imbriani, sponda di Ennynaya e conclusione vincente di Umberto Del Core. 1-0 che potrebbe essere bissato dallo stesso Falco rossonero, ma quattro minuti più tardi, perde il tempo tutto solo davanti a Ripa. Il tempo si chiude con una buona occasione per i laziali, ma anche Pasca non è freddissimo davanti a Rossi. Nella ripresa fra le file ospiti c´è Costanzo, ma rispetto al primo tempo è un´altra partita. Al 7´ Ennynaya effettua un lancio troppo lungo per l´accorrente Del Core, poi una conclusione di Cimarelli viene bloccata in due tempi da Francesco Rossi. Al 75´ Antonini impegna ancora l´estremo rossonero che calcola male il rimbalzo e rischia il pasticcio. Pasticcio in area foggiana che arriva cinque minuti più tardi. Lancio radente di Battisti e Costanzo s´inventa un colpo di tacco che sorprende tutti. E´ 1-1 e lo Zaccheria tributa applausi al suo ex pupillo. Due sole opportunità per il Foggia prima che Vicinanza mandi tutte negli spogliatoi. Già in tempo di recupero Faieta lancia Da Silva che in scivolata non riesce a deviare il pallone, poi, anmcor più clamorosamente Ripa effettua una parata salva risulatato su un teso diagonale di Chiecchi. Fischi per i rossoneri al triplice segnale di chiusura.