Ecco come sta nascendo il “nuovo” Foggia!

0
36 views

Continua con grande intensità il lavoro degli imprenditori dell´Assindustria interessati a rilanciare il Foggia. Il Dr.Raffaele Poliseno, coordinatore del gruppo, è stato in contatto continuo con il curatore fallimentare avv.Mangiolfi (nella foto), il quale nella tarda mattinata pare sia stato ricevuto negli uffici dell´Assindustria. Uno scambio costante di fax e telefonate, ha messo a punto altri importanti tasselli per portare avanti l´operazione. “Stiamo continuando a lavorare sodo – ci ha riferito Poliseno – in sintonia con l´avv.Mangiolfi. Domani garantiremo la cifra necessaria per completare la stagione”. Non sarà necessaria la richiesta dell´esercizio provvisorio, in quanto la gestione resterà nelle mani della curatela fallimentare. “Continua a crescere l´interesse intorno al nostro progetto – riprende il direttore dell´Assindustria – ed il numero degli imprenditori coinvolti cresce sempre più. Però vogliamo allargare la base societaria il più possibile, perchè più siamo e meglio è. Vorremmo poter coinvolgere tanta altra gente che come noi ama le sorti rossonere”. Il progetto è stato ben studiato e prevede una base societaria con 250 quote da 5.000 euro cadauna. Questo tipo di soluzione offre la possibilità a piccoli e grandi imprenditori di acquisire il numero di quote adeguate alle proprie possibilità. La quota minima dà, inoltre, diritto ad un posto riservato in tribuna centralissima. Con l´acquisizione di 25 quote si ha diritto all´ingresso nel Consiglio d´Amministrazione, i cui componenti nomineranno il Presidente. La società che nascerà (che probabilmente si chiamerà A.C.Foggia, nome segnalato nel nostro sondaggio) dovrebbe essere una S.p.A., gestita a grosse linee come le società spagnole (ad azionariato popolare), ma con quote non eccessivamente popolari.Insomma il gruppo fondatore (nel quale dovrebbero esserci Zanasi, Moschella, Perrone, Gianni Trisciuoglio, Pitta, Gianni Di Carlo, Pino Di Carlo ed altri) ha le idee chiare sul programma da seguire. “L´importante però – conclude Poliseno – è non fornire disinformazione che potrebbe allarmare o scoraggiare qualche imprenditore interessato all´operazione. A volte leggiamo e sentiamo notizie e cifre lontane dalla realtà. Avete fatto bene quando nella trasmissione Assist avete sottolineato che spesso si riportano notizie infondate. Ho sentito sparare cifre fuori dalla realtà e che nulla hanno a che fare con quello che stiamo facendo. Invito tutti gli interessati a contattarci per entrare con noi nel progetto. Noi ce la metteremo tutta per far rinascere il Foggia, però non vorremmo restare soli. Ci aspettiamo un grosso coinvolgimento di tutta la provincia”. Gli imprenditori coinvolti nel “nuovo” Foggia, ad oggi, sono già più di venti, ma per i programmi futuri (proiettati verso la nuova stagione) c´è bisogno di altra gente. Dopo aver assicurato la regolarità del campionato, il gruppo dell´Assindustria, attende la valutazione che il Tribunale darà alla “parte attiva” del Foggia Calcio, per poterla rilevare. Successivamente bisognerà recarsi a Firenze per cercare di “spuntare” la serie C1.