Giannini: “Rispetto per le favorite ma ci siamo anche noi”

0
32 views

Il principe sa quello che vuole. Da Ascoli Satriano, dove la squadra si è allenata oggi pomeriggio, l’ allenatore rossonero lancia segnali chiari riguardo alle ambizioni del Foggia: “Sono soddisfatto di questo gruppo che è ben amalgamato. Stiamo lavorando bene e sono convinto che potremo ben figurare in questo campionato”.
La concorrenza non spaventa Giannini: “Squadre come Napoli, Avellino, Reggiana, Lanciano, Padova meritano assoluto rispetto. In ogni caso sta a noi tenere sempre alta la concentrazione e provarci fino alla fine”. Provare a fare cosa?
“Sicuramente la salvezza resta il nostro primo obiettivo ma allo stesso tempo non dobbiamo nasconderci, sarebbe da ipocriti. Sappiamo di poter competere con le più forti”.
La vittoria a Benevento (la prima da professionista per Giannini) e poi l’ arrivo di Oliveira, Stroppa e Micco hanno improvvisamente riacceso l’ entusiasmo della piazza. “Ma guai a montarsi la testa – sottolinea Giannini -. Vincere a Benevento è stato importante e soprattutto entusiasmante per come è maturato il risultato. I nuovi arrivi ci torneranno utili. Sono giocatori che io ho chiesto personalmente e sui quali sono pronto a scommettere”.
Grinta e concretezza le armi in più dell’ ex centrocampista della Roma. In campo corre da una parte all’ altra come se avesse voglia di ricominciare a “toccare” il pallone come una volta. “In realtà, mi piace curare i particolari e con l’ aiuto di Roberto Pruzzo cerchiamo di controllare ogni situazione”. Rimproveri e incoraggiamenti si alternano in un pomeriggio quasi estivo. Dopo la parte atletica, si iniziano a provare e cross e conclusioni a rete. C’ anche il nuovo arrivo Micco. E’ suo il cross per Ban che con un tiro potente batte Efficie. E’ solo un allenamento ma Giannini chiede il massimo impegno e allora nessuno si tira indietro. Si va avanti per circa un paio d’ ore mentre Catalano continua a correre a bordo campo (per lui lavoro differenziato).
Intanto Pruzzo vede qualcuno che sosta sulla linea del fallo laterale e con tono ‘minaccioso’ domanda: “Siete di Avellino?”. “Certo che no, siamo i ‘proprietari’ del campo”, gli risponde l’ Assessore allo Sport del Comune di Ascoli Satriano.
Nessuna spia, potete continuare a lavorare tranquilli. Domenica allo Zaccheria arriva la capolista.